Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, imbrattate targhe dedicate a vittime leggi razziali. Raggi: «Ripuliamo subito»

Roma, imbrattate targhe dedicate a vittime leggi razziali. Raggi: «Ripuliamo subito»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Novembre 2019, 09:02 - Ultimo aggiornamento: 14:35

Sono state imbrattate a Roma le due targhe dedicate a vittime delle leggi razziali che la scorsa settimana per volere del Campidoglio avevano sostituito altre che intitolavano le stesse strade ai firmatari del Manifesto della razza. A darne l'annuncio la sindaca Raggi con un tweet. «Gesto vergognoso, ripuliamo subito», promette. Intanto sono in corso gli accertamenti dei poliziotti del commissariato Primavalle. 

 


Segre, il ministro Lamorgese in Sinagoga: «Linguaggio d'odio genera violenza»


 
«Siamo indignati di fronte all'atto vandalico compiuto sulle targhe delle tre strade intitolate, solo pochi giorni fa, a tre scienziati vittime della discriminazione del regime fascista, in luogo di tre firmatari del Manifesto della Razza». Lo scrive in un post su Facebook il consigliere capitolino del Movimento 5 stelle Carola Penna. «Hanno tentato di cancellare in maniera riprovevole quello che, come abbiamo sottolineato, ha rappresentato un gesto significativo per la lotta al razzismo e la difesa dei diritti universali dell'uomo. Ma noi non ci pieghiamo: condanniamo e combattiamo con ancora più forza ogni comportamento che intenda risvegliare un'ideologia regressiva, fondata sull'odio e la discriminazione. A queste vergognose dimostrazioni rispondiamo mettendo in atto l'ideale democratico e il riconoscimento di eguali diritti e dignità ad ogni persona»

© RIPRODUZIONE RISERVATA