Roma, stalker distrugge una volante e aggredisce
gli agenti chiamati dalla ex: «Minaccia di uccidermi»

Mercoledì 27 Maggio 2020
Ha distrutto una volante e aggredito gli agenti che erano arrivati per difendere l'ex compagna minacciata di morte e perseguitata. Alla fine gli i poliziotti del reparto Volanti e del commissariato Flaminio sono riusciti ad arrestare R.S. marocchino di 32 anni per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato ai beni dello Stato. Ieri intorno a mezzogiorno, erano arrivati in via Flaminia su segnalazione di una donna, che aveva chiamato il numero unico di emergenza perché l'ex compagno la minacciava di morte. Sul posto, gli agenti hanno notato un uomo fuori dall'abitazione dove la donna lavora come domestica e che alla loro vista si è nascosto nella vegetazione vicina. Mentre una pattuglia cercava di farlo uscire, l'altra entrava in casa per parlare con la donna. La vittima ha raccontato ai poliziotti che l'uomo, suo ex compagno, la vessava e minacciava da tempo, sia presso la sua abitazione che sul luogo di lavoro, tanto da averlo denunciato più volte. Gli investigatori sono riusciti a far uscire allo scoperto l'ex compagno, che prima si è mostrato calmo, ma poi si è scagliato contro i due poliziotti. Una volta calmato, R.S. è stato fatto entrare dell'auto di servizio che, in un altro impeto di violenza, ha danneggiato rendendola inservibile. Accompagnato negli uffici di polizia, il 32enne è stato arrestato per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato ai beni dello Stato, mentre i poliziotti aggrediti, portati al pronto soccorso, sono stati medicati e refertati con 7 giorni di prognosi.  © RIPRODUZIONE RISERVATA