Roma: caldo, topi, miasmi, cumuli di rifiuti sui marciapiedi, è ormai emergenza sanitaria

Cassonetti collocati dall'AMA sui marciapiedi con cumuli di immondizia
2 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Giugno 2021, 14:24 - Ultimo aggiornamento: 22:21

Mentre è stato convocato dalla Prefettura di Roma un tavolo per tentare di dirimere la situazione rifiuti, a via Bencivenga, nel III Municipio, praticamente davati alla caserma della Guardia di Finanza, la situazione sta letteralmente precipitando: dopo nove giorni di emergenza i cumuli di immondizia accatastati sui marciapiedi hanno raggiunto il metro e mezzo. Il caldo di questi giorni ha contribuito ovviamente a peggiorare la situazione provocando miasmi, odori terribili e, per giunta, un andirivieni di pantegane che dal fiume Aniene sottostante si spingono fino all'unico marciapiede ostruito di sporcizia, sacchi di immondizia accumulatisi.

Rifiuti a Roma, la Regione: serve la Protezione civile per pulire le strade

Rifiuti a Roma, primi roghi. La Regione: in campo la Protezione civile

Roma: rifiuti sui marciapiedi: è emergenza

In questi nove giorni nessuno ha ancora provveduto a togliere la sporcizia, disinfettando i marciapiedi nei quali transitano anche tanti bambini. L'emergenza sanitaria sembra davvero essere dietro l'angolo a dispetto dei reiterati appelli che sono stati rivolti all'Ama e al III Municipio anche se finora tutti finiti nel vuoto. A complicare la situazione la singolare decisione dell'Ama di posizionare i cassonetti proprio sul marciapiede. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA