Roma, ad Albano esplode la protesta contro la discarica allestita per i rifiuti della Capitale

Albano, esplode la protesta contro la discarica
2 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Agosto 2021, 10:52 - Ultimo aggiornamento: 16:08

Avevano promesso le barricate e così è stato: i residenti di Albano Laziale, la discarica con i rifiuti di Roma non la vogliono. Il primo grosso camion carico di rifiuti di Roma è arrivato stamattina ed è bloccato dai manifestanti in via Ardeatina (altezza: km 24). 

La polizia di Ardea e Albano ha disposto la chiusura della strada: di camion ne arriveranno altri e si prevedono forti disordini.

Proteste contro la discarica di Albano (foto Luciano Sciurba)

«Siamo pronti agli scontri, alziamo le barricate contro i camion», «La discarica non deve ripartire prima della sentenza del Tar del 6 settembre», avevano specificato. La tensione si preannunciava altissima ed è altissima per il riavvio del sito di via Roncigliano, nella frazione di Cecchina, ad Albano.

Ama, emergenza rifiuti continua: «Disagi per tutto agosto»

Il presidio è permanente davanti ai cancelli dove cominciano a sfilare i camion carichi di tonnellate di rifiuti indifferenziati di Roma. I residenti del Villaggio Ardeatino hanno persino costruito una struttura in legno dove ripararsi e non lasciare il presidio sguarnito.  

 

Il ricorso al Tar - La sospensiva è stata rigettata ma il giudice amministrativo ha ordinato alla sindaca Raggi di depositare in giudizio, entro 15 giorni, vari documenti che attestino che quella discarica serve ed è l'unica a disposizione per salvare Roma. In particolare, l'amministrazione capitolina dovrà dimostrare che siano state valutate anche altre ipotesi, in altri territori.  

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA