ROMA

Roma, rapinano banca con il volto nascosto dalle mascherine: 4 impiegati legati, banditi in fuga

Giovedì 15 Ottobre 2020 di Marco De Risi

Rocambolesca rapina in banca a Roma. Due individui con il volto nascosto da mascherine ”anti Covid” hanno fatto irruzione in una filiale prendendo in ostaggio 4 persone e fuggendo con una somma in contanti di oltre 70.000 euro. E’ la polizia ad indagare. Il super colpo è stato messo a segno nella filiale del Monte di Paschi di Siena di via Ciamarra 78, alla Romanina. I banditi erano due armati di pistola.

Roma, inseguimento da film sulla Prenestina: i rapinatori seminano la polizia con i fumogeni

Frosinone, rapina in banca con le mascherine: in due fuggono con 6mila euro su un tetto, ma vengono arrestati

Sono entrati nella filiale al momento dell’apertura. Si sono affiancati al direttore della banca e ad altri tre dipendenti prendendoli di sorpresa con le armi in pugno. Così è scattato un sequestro di persona. Pistole in pugno hanno costretto i 4 dipendenti ad andare in uno stanzino dove sono stati fatti sdraiare e gli sono stati bloccati i polsi con delle fascette di plastica. A quel punto i due erano soli nei locali ed hanno fatto in tempo a prendere i soldi dalla cassa continua che era lasciata aperta. Hanno preso i soldi, oltre 70.000 euro, li hanno messi in una sacca e sono fuggiti. Non ci sono testimoni che possano indicare come si siano allontanati i due banditi. Sono fuggiti su un’auto appena rubata? Si sono allontanati a piedi per poi prendere qualche autobus e passare così inosservati? I quattro ostaggi non hanno potuto vedere le modalità di fuga dei banditi. 


L’allarme è scattato quando uno dei dipendenti è riuscito a liberarsi e a chiamare i soccorsi. L’uomo ha liberato anche gli altri tre legati. Sul posto sono accorsi alcuni equipaggi delle volanti che hanno effettuato anche una battuta in zona alla ricerca dei criminali che, però, sono riusciti a fare perdere le tracce. Gli agenti hanno confortato gli ostaggi e si sono assicurati che stessero in buone condizioni di salute. ”Stavo per entrare in banca - ha detto il direttore alla polizia - quando ho incrociato i banditi. Loro hanno subito estratto le pistole e mi hanno sequestrato. Non ho potuto oppormi davanti a quegli uomini armati. Poi, hanno preso in ostaggio anche gli altri tre dipendenti”. 


Un colpo in banca eseguito da professionisti del crimine. Non c’è dubbio che il ”raid” sia stato pianificato in ogni dettaglio. I due banditi devono avere studiato un piano ed anche gli spostamenti giornalieri del personale di banca. Sul posto è arrivata anche una squadra della polizia scientifica. Gli agenti hanno fatto un lungo sopralluogo a caccia di qualche traccia lasciata dai banditi. I poliziotti hanno analizzato i banconi ed altri profili lisci per vedere se i banditi possano avere lasciato le impronte. Sembra, però, che i criminali abbiano indossato guanti in lattice proprio per evitare di lasciare tracce. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA