Roma, raid contro un bengalese al Tuscolano: irruzione di una quarantina di persone nel minimarket

Raid contro un bengalese al Tuscolano
di Marco De Risi
3 Minuti di Lettura
Martedì 15 Dicembre 2020, 00:27

Un episodio sul quale la polizia sta indagando che sa di razzismo. È accaduto domenica sera al Tuscolano, quando oltre 40 ragazzi hanno assaltato un negozio di bengalesi. Si è trattato di un vero e proprio “raid”. In un primo momento sembrava che i ragazzi litigassero fra di loro ma poi la polizia ha ricostruito con precisione l’accaduto ed è uscito fuori il “raid” nel negozio di un bengalese. L’assalto è avvenuto in una frutteria di via Ponzio Cominio. Oltre 40 ragazzi si sono radunati per poi scagliarsi contro il negozio. C’è stata tanta tensione all’interno del market. Qualche facinoroso ha picchiato il bengalese che era all’interno. Lo straniero ha avuto un pugno in faccia. Poi il gruppo ha distrutto il negozio mettendo sotto sopra la merce. Non contenti, hanno lanciato dei generi alimentari contro l’uomo.
Poi prima di fuggire, qualcuno si è portato via della mercanzia. Quindi, c’è stato anche un furto di generi alimentari. Sul posto è arrivata la polizia ma i facinorosi erano già fuggiti. È arrivata anche un’ambulanza per medicare il bengalese che era stordito e tremante. Per fortuna si è trattato di contusioni leggere e il ferito non è grave.


Roma, medico asl rapinato al Casilino: sequestrato in un parcheggio da due uomini mascherati

Le indagini

L’attacco al negozio di frutta è finito nella lente d’ingrandimento del commissariato Tuscolano ma non solo anche della Digos che si occupa di politica. Non è escluso affatto che il “raid” sia a sfondo razzista. Gli stessi investigatori sono convinti di questa matrice dopo avere notato le caratteristiche dell’attacco al negozio di frutta. Quaranta ragazzi contro un solo straniero senza nessuna spiegazione plausibile se non quella “politica”. È un qualcosa, secondo gli investigatori, che sa di galassia eversiva di destra. L’uomo è stato trasformato in tiro a segno con la frutta che stava negli scaffali. Alcuni ragazzi del gruppo hanno preso la frutta ed hanno bersagliato il bengalese. Ma c’è anche di più. Questi tipi di assalti ai bengalesi si sono già registrati al Tuscolano. Quattro romani armati che hanno affrontato un commerciante straniero per poi rubargli quasi nulla. E le indagini hanno dimostrato come si sia sempre trattato di aggressioni a sfondo razziale. La Procura ha indagato su una lunga serie di casi avvenuti al Tuscolano trovando legami fra i facinorosi che le hanno commesse e personaggi della galassia di destra. Episodi che non sono stati troppo pubblicizzati ma che hanno visto la destra complice di “raid” e rapine sempre a bengalesi. 

Scontri Roma, 16 denunciati, anche minorenni: la metà è di Forza Nuova e ultrà giallorossi

© RIPRODUZIONE RISERVATA