Roma, a Ostiense arriva il Rufa Campus all'ex falegnameria. «Nuovo hub culturale e creativo della Capitale»

Roma, a Ostiense arriva il Rufa Campus all'ex falegnameria: «Sarà nuovo hub culturale e creativo della capitale»
5 Minuti di Lettura
Martedì 17 Maggio 2022, 11:44

Al via la realizzazione del nuovo Campus RUFA – Rome University of Fine Arts, 6000mq nel cuore del quartiere Ostiense a Roma, in uno scenario stimolante e ricco di fascino, dove coesisteranno arte, didattica, laboratori, eventi aperti al territorio.

I lavori sono già partiti: un intervento che non soltanto segna un passaggio fondamentale nella storia dell’Accademia RUFA, ma che genera un cambiamento significativo nel tessuto urbano della capitale, alimentando il fenomeno di trasformazione e rigenerazione urbana che già caratterizza il quartiere. Un passo in avanti per un distretto che è riuscito a unire arte contemporanea, ricerca, sperimentazione, aggregazione sociale, futuro.

Una nuova vita per l'Ex Falegnameria di via Libetta 

L’ampia zona che sarà riqualificata è quella dell’Ex Falegnameria Triestina in via Libetta, che è stata fulcro della vita notturna romana, nota per aver ospitato alcuni dei locali più famosi della Capitale tra cui il Goa Club, già chiuso durante il periodo pandemico. Una transizione significativa dal settore dell’intrattenimento musicale a quello della formazione nell’industria creativa. 

Il progetto di riqualificazione è stato affidato all’architetto Alessandro Ridolfi, Fondatore dello Studio Z14 ARCHITECTS, da sempre impegnato in un costante lavoro di ricerca sui temi della trasformazione urbana e sull’uso delle più innovative tecnologie architettoniche e soluzioni sostenibili.

Un intervento che ha tenuto conto del carattere industriale risalente alla prima destinazione d’uso dei capannoni, e che mira a valorizzare gli edifici storici e a conservare i caratteri identitari del complesso dell’ex Forestale Triestina: da luogo di commercio e trasformazione del legname a luogo di produzione culturale. Il grande vuoto esterno utilizzato per lo stoccaggio dei legnami si è trasformato in piazza, una moderna agorà per gli studenti, uno spazio informale che contribuisce a riconnettere i capannoni con il tessuto urbano e a stabilire nuove relazioni, non solo tra gli immobili ma anche con la città.

Ostiense, polo di arte urbana e rigenerazione

L’intervento rientra in un progetto di rigenerazione urbana molto più ampio. Un vero e proprio hub culturale che accoglierà ambienti per la didattica, laboratori, spazi dedicati a numerosi eventi rivolti al territorio, e a mostre e performance curate dagli studenti RUFA. 

“In aggiunta ai laboratori dell’ex-Pastificio Cerere, riqualificato dall’Accademia nel 2010 a San Lorenzo, e delle sedi del quartiere Trieste, siamo orgogliosi di annunciare la nascita del nuovo Campus RUFA, - afferma Alessandro Mongelli, Amministratore delegato RUFA - un progetto unico nel suo genere, che ci permette di offrire alla nostra comunità 10.000 mq di spazi per lasciar esplodere la creatività e contaminare la città.”

“Il quartiere Ostiense diventa così il centro di azioni di rigenerazione urbana all’avanguardia per l’intera città. Come spiega Amedeo Ciaccheri, Presidente del Municipio Roma VIII "Il progetto del nuovo Campus RUFA – Rome University of Fine Arts, oltre a portare a nuova vita uno luogo storico del territorio, apre uno spazio che verrà attraversato non solo dagli studenti ma interagirà con la cittadinanza e le realtà locali. Inoltre il nostro Municipio arricchisce l’offerta formativa dedicata all’audiovisivo contraddistinguendosi come il Polo cittadino dedicato ad eccellenze impegnate nel campo dell’innovazione.”  

Un campus green e ecosostenibile 

Un campus universitario all’avanguardia, portatore di innovazione e sostenibilità. Il nuovo Campus sarà infatti anche il primo hub creativo a Roma a essere dotato di impianti per l’efficientamento energetico, prevedendo un sistema integrato che anche grazie ai fotovoltaici coprirà quasi tutto il fabbisogno. Nel piazzale esterno saranno predisposte delle aree green e colonnine di ricarica per veicoli elettrici, firmate convenzioni per il bike sharing, e installate rastrelliere, per rendere più semplice a tutta la comunità l’impiego di mezzi alternativi alle automobili. Particolare attenzione sarà dedicata alla disposizione di aree verdi e piante negli ambienti interni per ridurre gli effetti dannosi dell’inquinamento indoor.

14 borse di studio fino al 2025

Grazie al “finanziamento a impatto sociale” concesso da UniCredit, la RUFA potrà anche riconoscere – per gli anni 2023/2024/2025 – 14 borse di studio a studenti meritevoli in condizioni economiche difficili o a studenti in condizioni di fragilità fisica o psichica”. 

“Siamo particolarmente soddisfatti di aver avuto l’occasione di contribuire alla realizzazione di questo progetto così importante per Roma - ha dichiarato Roberto Fiorini responsabile per il Centro Italia di Unicredit - e che coniuga l’attenzione al territorio, la rigenerazione urbana, l’investimento sulla cultura e la sostenibilità ambientale. In UniCredit siamo convinti infatti che una banca abbia uno scopo sociale definito e importante: esistiamo non solo per erogare finanziamenti ma per sostenere e rafforzare gli individui e le comunità, per aiutarli a vivere la vita che vogliono vivere, contribuendo a costruire una società più equa e sostenibile". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA