Sentenza ribaltata, i giudici: «Il clan Fasciani è la mafia di Ostia». Condanne per 160 anni

Lunedì 4 Febbraio 2019
«Il clan Fasciani è la mafia di Ostia». Così i giudici capitolini, con un ribaltamento della sentenza. Dopo un iter processuale tortuoso, oggi sono stati inflitti più di 160 anni di carcere nei confronti dell'intero clan del litorale romano; a partire da Carmine Fasciani, il patriarca, condannato a più di 27 anni di reclusione. Condanne importanti anche per il resto della famiglia: alle figlie Sabrina e Azzurra rispettivamente più di 11 anni (la prima) e quasi sette (la seconda); alla moglie Silvia Franca Bartoli, 12 anni e 5 mesi. La particolarità è che alle figlie non è stato riconosciuto il ruolo apicale nell'associazione, bensì solo quello di partecipanti. Per quanto riguarda il resto della sentenza, ad Alessandro Fasciani sono stati inflitti 10 anni e mezzo, a Terenzio Fasciani 8 anni e mezzo, a Riccardo Sibio 25 anni e mezzo, a Luciano Bitti 13 anni e tre mesi, a John Gilberto Colabella 13 anni, a Gilberto Inno 7 anni e 1 mese, a Mirko Mazzoni 10 anni, a Danilo Anselmi 7 anni e ad Eugenio Ferramo 10 anni.

LEGGI ANCHE: Ostia, aveva rapporti con i clan Spada e Fasciani: confisca di beni per oltre mezzo miliardo a Mauro Balini

LEGGI ANCHE: Ostia, maxi-confisca al clan Fasciani: case, pizzerie e terreni per 18 milioni. «Inquinata economia locale»

LEGGI ANCHE: Cassazione: i Fasciani sono un clan mafioso

Complicata la vicenda che ha visto alla sbarra il potente clan del litorale romano. Quello di oggi era il secondo dibattimento d'appello; davanti ai giudici si è arrivati dopo un rinvio da parte della Cassazione che ha ordinato il nuovo processo per valutare l'esistenza dell'accusa di mafia. Le imputazioni, a vario titolo e a seconda delle specifiche posizioni, andavano dai reati di droga (anche narcotraffico) all'interposizione fittizia, dall'usura alle estorsioni; e, soprattutto, associazione mafiosa e per alcuni casi specifici anche l'aggravante del metodo mafioso. Il tortuoso iter processuale ha visto in primo grado pesanti condanne - complessivamente oltre 200 anni di carcere - In appello, però, cadde sia l'accusa di associazione mafiosa sia l'aggravante della modalità mafiosa.

L'effetto fu un contenimento significativo delle condanne. Si è arrivati quindi alla decisione della Cassazione i cui giudici, ritenendo «processualmente acquisito che la famiglia Fasciani ha costituito un'associazione per delinquere di tipo mafioso con a capo Carmine Fasciani», ha ordinato di rifare il processo d'appello al fine di riprendere in considerazione l'accusa di mafia, con le relative aggravanti, anche per il narcotraffico. Oggi la nuova sentenza. E non è escluso che non si sia scritta la parola fine; i difensori hanno fatto intendere che è certo il nuovo ricorso in Cassazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma