CORONAVIRUS

Musei Vaticani riaprono: dal primo giugno tour di Raffaello "segreto", orari più lunghi e mascherine

Sabato 23 Maggio 2020 di Laura Larcan
Musei Vaticani riaprono: dal primo giugno tour di Raffaello
Dal primo giugno si può tornare a visitare i Musei Vaticani in totale sicurezza. Dopo quasi tre mesi di chiusura per il lockdown dettato dall'emergenza coronavirus le meraviglie del Vaticano riaprono al pubblico. E la visita riserverà anche una grande sorpresa. L’ultima traccia del passaggio di Raffaello nei palazzi papali: si tratta delle due figure femminili della Giustizia e Cortesia dipinte a olio nelle zone laterali del grande affresco nella Sala di Costantino. A lungo dibattute sull’attribuzione (ne parlava già Giorgio Vasari nella biografia di Raffaello), ora, dopo cinque anni di restauro, la rivelazione: sono di mano del Divin Pittore. Stile, colori, tecnica pitttorica non lasciano dubbi per la direttrice Barbara Jatta. Un regalo al pubblico dopo la quarantena.

Come si potrà tornmare ad ammirare i Musei Vaticani? Nel rispetto delle norme di igiene e di distanziamento. Tutti coloro che avranno accesso ai Musei saranno sottoposti al controllo della temperatura corporea attraverso termoscanner e l’ingresso dei visitatori sarà consentito solo con obbligo di mascherina

Le visite. Al fine di contingentare al meglio gli ingressi, per accedere ai Musei Vaticani sarà obbligatoria la prenotazione che potrà essere effettuata direttamente dal sito ufficiale www.museivaticani.va In questo periodo eccezionale non verrà applicato il costo dei diritti di prevendita di 4 Euro. Anche gli orari di apertura subiranno delle variazioni: dal lunedì al giovedì le Collezioni Pontificie rimarranno aperte dalle ore 10.00 alle ore 20, con ultimo ingresso alle ore 18 (l’uscita dai settori museali inizia alle ore 19.30); il venerdì e il sabato dalle ore 10 alle ore 22, con ultimo ingresso alle ore 20.00 (uscita dei settori museali alle ore 21.30).

Sempre venerdì e sabatoi sarà possibile abbinare alla visita, avvolti dalle tenui luci del tramonto romano, un aperitivo servito nell’affascinante scenario del Cortile della Pigna (prenotazione obbligatoria, soggetta a limitata disponibilità di posti nel rispetto delle normative di sicurezza in tema di ristorazione). La consueta apertura gratuita dell’ultima domenica del mese resta al momento sospesa. Si aggiunge, al già ricco ventaglio di proposte di visita, un nuovo tour in open bus, ecologici e panoramici, alla scoperta dei Giardini Vaticani che prevede l’accesso esclusivo e diretto al cuore verde dello Stato della Citta del Vaticano, attraverso un ingresso dedicato e senza necessità di attraversare i Musei. La prenotazione è obbligatoria tramite il sito www.museivaticani.va dove sarà possibile trovare tutti i dettagli della proposta.


nsieme ai Musei Vaticani tornano a concedersi al pubblico anche le Ville Pontificie di Castel Gandolfo. Sino al termine dell’emergenza, si potrà ammirare la residenza estiva del Santo Padre e i suoi meravigliosi giardini esclusivamente il sabato e la domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00, con ultimo ingresso alle ore 17.00 (il primo giorno di riapertura è previsto per sabato 6 giugno 2020). Tutti i visitatori saranno sottoposti al controllo della temperatura e agli ospiti sarà consentito l’ingresso solo se muniti di mascherina. Prenotazione obbligatoria dal sito ufficiale dei Musei Vaticani. Il Treno delle Ville Pontificie, in partenza ogni sabato dalla Stazione Vaticana, è sospeso.
Ultimo aggiornamento: 11:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani