COVID

Roma, movida fuori controllo da Fregene a Fiumicino: niente distanze tra clienti, chiusi tre pub

Martedì 2 Giugno 2020 di Mirko Polisano
Fregene come Trastevere, dove la movida fuori controllo e senza regole costringe la polizia a far chiudere tre pub gettonatissimi tra i più giovani. Tre, tra bar e discoteche che sul litorale romano non hanno rispettato le norme del distanziamento. La polizia, su disposizione della Questura, ha così messo i sigilli alle attività commerciali. Fine settimana di controlli serrati sul litorale romano per verificare soprattutto il distanziamento sociale da parte dei giovani che si affollano sul mare nei fine settimana. Gli agenti hanno sorpreso decine di giovani che si accalcavano ai banconi dei pub per consumare bevande alcoliche. Così è scattata la tolleranza zero a Fiumicino e Fregene nei confronti dei locali i cui clienti si assembravano senza la minima prudenza. Le pattuglie di poliziotti del commissariato di Fiumicino, impegnate nei blitz serali sulla movida e all’interno dei pub del comune costiero, hanno fatto chiudere per tre giorni i battenti tre attività commerciali molto gettonate dai ragazzi trovati privi di mascherina, noncuranti delle distanze e intenti a mandar giù un drink dopo l’altro. La sanzione amministrativa, di circa 300 euro, è stata elevata alla “Vineria del porto” in via Giorgio Giorgis e al pub “Opera Bistrot” di via Valle Sarca a Isola Sacra-Fiumicino. A Fregene il provvedimento di chiusura è invece scattato nei confronti del locale “Jolly Roger” in viale Nettuno. «Stiamo proseguendo i controlli – fa sapere Catello Somma, dirigente del commissariato di Fiumicino – la cui finalità non è reprimere ma fare prevenzione a tutela della salute pubblica. Non tolleriamo quindi gli assembramenti che portano al contagio».

L’EMERGENZA
I clienti - tutti giovanissimi - hanno dimostrato di non seguire le indicazioni sul contenimento del Coronavirus. Quasi nessuno indossava la mascherina, tutti impegnati a ballare e bere. A Fiumicino e Fregene i controlli dureranno per tutto il periodo estivo e saranno intensificati sulle spiagge. «Non possiamo permetterci di abbassare la guardia - ammoniscono dal Comune - linea dura contro chi non rispetta le regole». Esausti anche i residenti. «Noi qui non dormiamo più - denuncia un cittadino - i ragazzi fanno schiamazzi. Insomma, è tornato lo stesso degrado che regnava prima del Coronavirus». Fregene, dunque, sorvegliata speciale: la Questura monitorerà anche l’afflusso previsto per tutta la giornata di oggi. E ieri pomeriggio vertice tra Raggi e gli esercenti, che “pressano” per avere un’ordinanza anti-alcol chie vieti l’asporto dopo le 19. La sindaca è titubante, ma ha mostrato qualche apertura. Si valuteranno i dati e si deciderà, forse già domani.
Ultimo aggiornamento: 11:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA