Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ultima chiamata per i "no vax": dai medici di base i ritardatari del vaccino

Ultima chiamata per i "no vax": dai medici di base i ritardatari del vaccino
di Flaminia Savelli
2 Minuti di Lettura
Martedì 31 Agosto 2021, 15:02

L'ultima chiamata per i no vax è partita. L'assessore alla Sanità, Alessio D'Amato, ha già inoltrato la lista dei ritardatari ai medici di base che ora hanno il compito di procedere con chi ancora non è immunizzato. L'obiettivo è di arrivare alla fine del mese di settembre con l'immunità di gregge. Un obiettivo vicino su cui i medici della mutua stanno già lavorando. La media dei ritardatari, per ogni studio medico, è di circa il 10% dei mutuati. 

 Il Lazio contro i No vax: «Si paghino i ricoveri». Ecco il piano della Regione

Si tratta di chi ha scelto di posticipare la seduta vaccinale per non restare bloccato, in attesa del richiamo,  con le ferie già prenotate. Ma sono stati anche i primi a farsi avanti: "Abbiamo iniziato a ricevere le loro chiamate già la settimana successiva a Ferragosto, così li abbiamo messi subito in lista" conferma Alberto Chiriatti,  Vice segretario regionale vicario FIMMG Lazio. Ma a preoccupare i camici bianchi sono i "no vax", quelli più convinti. Già contattati all'inizio della campagna vaccinale, non hanno accordato l'appuntamento. "Hanno molti dubbi, possiamo solo parlare con loro" spiega il dottor Chiriatti. Anche se, i medici precisano, che si tratta di una percentuale bassa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA