Roma, la ladra sexy e i colpi nei B&B: uomini sedotti e poi derubati

Roma, la ladra sexy e i colpi nei B&B: uomini sedotti e poi derubati
di Raffaella Troili
4 Minuti di Lettura
Domenica 1 Novembre 2020, 00:26

Gli uomini li tramortisce. In tutti i sensi. È un’esperta nell’adescare persone sole, per lo più attempate, stordirle con un mix di alcol e benzodiazepine, per poi scappare con soldi e carte di credito. Stavolta non l’ha fatta franca e per Wendley Peralta De La Cruz, 42 anni, procace e sensuale cittadina della Repubblica Dominicana, sono di nuovo scattate le manette. Tutto è scattato a ottobre, quando evidentemente la donna ha terminato i domiciliari (aveva già tentato con successo di fingersi badante per rapinare tanti poveri vecchietti della capitale). Stavolta è ripartita dalla strada: nei pressi della Stazione Termini ha avvicinato un uomo di 75 anni afghano al capolinea del tram di piazza dei Cinquecento. Qualche moina e l’offerta di avere un rapporto sessuale per 30 euro.

La banda delle sexy ladre, shorts e curve in mostra per distrarre gli uomini e sfilare l'orologio

L’affare è andato in porto, i due si sono diretti in un Bed&Breakfast vicino, nel frattempo lei l’ha anche convinto a comprare dell’alcol. Una volta in camera ha preparato da bere e condito il tutto con antidepressivi. Dopo pochi minuti, l’uomo era nudo e privo di sensi tanto che non ricorderà nulla di quanto successo. A dare l’allarme il gestore dell’ostello che ha visto uscire la donna da sola e dopo un po’ preoccupato si è affacciato nella camera trovando la vittima nuda e svenuta. E priva di mille euro e carte di credito, usate di lì a poco nei pressi della Stazione. Fondamentale in questo inizio delle indagini un negoziante che insospettito dall’andirivieni della donna le ha scattato una foto e consegnata allea polizia. 

Napoli, arrestata la "mantide": sedava e derubava uomini adescati a Stazione Centrale


DIVERSA DALLE FOTO: DIMAGRITA
Gli agenti del commissariato Viminale hanno scoperto che per altre due rapine uguali avvenute una in zona Appia e l’altra a Ottavia, anche i poliziotti del distretto San Giovanni erano sulle tracce della 42enne. Anche perché nonostante loro fossero quasi certi dell’identità dell’adescatrice, la prima vittima inizialmente non l’ha riconosciuta: le foto mostrate erano vecchie, la donna nel frattempo si è molto dimagrita. Intanto, pochi giorni dopo, sempre a ottobre, aveva messo a segno le altre due rapine. Una agganciando un commerciante su via Appia, un italiano di 61 anni: sempre con la stessa tecnica, proposta di far sesso, alcol e benzodiazepine, aveva stordito anche lui derubando denaro e oggetti dal suo negozio. L’altro caso a Ottavia. Stavolta il contatto è avvenuto rispondendo a un annuncio su un giornale, l’uomo, un italiano di 79 anni ha aperto la porta della sua casa alla donna, stesso copione: bottiglia di vino, halcion e alprazolan mischiati, uomo stordito per terra e donna in fuga con malloppo. 

La sexy ladra seduce un pensionato: «Toccami come vuoi». E lo rapina di 300 euro


Ma gli investigatori erano sulle sue tracce. La donna ha usato un taxi per tornare ma si è fatta lasciare distante da casa, a Borghesiana dove viveva con un’amica-complice. Wendley è stata riconosciuta anche grazie a delle telecamere di sorveglianza molto nitide installate sotto la metro C, fatale un momento in cui si è abbassata la mascherina. Tutte e tre le vittime l’hanno riconosciuta, la donna è stata arrestata. In casa sono stati sequestrati gli abiti indossati durante le rapine. Wendley era già nota alle forze dell’ordine. In passato tramite facebook aveva adescato arzilli vecchietti offrendosi come badante sexy. Formosa, truccata, all’epoca un po’ troppo in carne, si era offerta anche bussando alla porta o rispondendo ad annunci su Porta Portese. E quanti ci erano cascati: durante la prova come badante era solita narcotizzare gli anziani, rapinarli e scappare. Una vita di truffe, con l’amica italiana a far da palo. Ora è di nuovo innocua, speriamo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA