ROMA

Roma, 36enne fugge all'alt e finisce con l'auto sulla scalinata dell'Altare della Patria

Mercoledì 30 Settembre 2020
Roma, 36enne fugge all'alt e finisce con l'auto sulla scalinata dell'Altare della Patria

Ha ignorato l'alt dei vigili e si è dato alla fuga, è passato con il rosso, salito con l'auto sui marciapiedi e infine ha sbandato terminando la corsa sulla scalinata dell'Altare della Patria. Follia a Roma, le cui vie del centro sono state il teatro di un incredibile inseguimento. Lanciati dietro al pirata della strada, gli agenti della polizia di Roma Capitale che alla fine hanno fermato e denunciato l'uomo alla guida, un italiano di 36 anni.

LEGGI ANCHE Roma, inseguimento da film sulla Prenestina: i rapinatori seminano la polizia con i fumogeni

Erano le 10 circa, quando una pattuglia del Gruppo Pronto Intervento Traffico ha fermato, vicino Porta San Paolo, una Lancia Musa intenta a compiere una manovra pericolosa, oltreché vietata, di inversione di marcia. Appena gli agenti si sono avvicinati al veicolo per avviare le procedure di accertamento, il conducente ha improvvisamente ripreso la marcia, rischiando di investirli. Gli agenti si sono messi all'inseguimento dell'auto fino a piazza Venezia dove l'uomo, nel tentativo di scappare, è finito sui primi gradini dell'Altare della Patria.

Durante la fuga il 36enne, dopo aver urtato un altro veicolo in marcia, ha anche commesso una serie di illeciti , dal passaggio con il semaforo rosso al transito, in alcuni tratti, sui marciapiedi. Il conducente, privo di documenti, è stato accompagnato negli uffici del Comando di Circonvallazione Ostiense per le procedure di identificazione e per gli ulteriori accertamenti. Oltre alla denuncia per resistenza, nei suoi confronti sono stati elevati una decina di verbali. Scattata anche la sanzione accessoria della revoca della patente, già ritirata lo scorso anno quando, fermato durante un controllo, era stato trovato in possesso di patente scaduta.  ​. 

Ultimo aggiornamento: 20:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA