L'auto si blocca sui binari della Roma-Velletri e viene travolta dal treno: Maria si salva per miracolo

Una donna di 65 anni è rimasta chiusa nel passaggio a livello di Monte Giove. E' riuscita a uscire un attimo prima di essere centrata dal treno

L'auto si blocca sui binari della Roma-Velletri e viene travolta dal treno: Maria si salva per miracolo
di Karen Leonardi
4 Minuti di Lettura
Sabato 4 Dicembre 2021, 06:47 - Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre, 08:58

«Ero terrorizzata, in quegli istanti ho pensato di morire Sono riuscita a fuggire giusto in tempo fuori dall'auto, precipitandomi sotto le sbarre del passaggio a livello, e un attimo dopo c'è stato lo schianto. Ho visto la macchina distrutta sotto il treno. Tremo ancora al pensiero, sono viva per miracolo». Scena mozzafiato sulla ferrovia Velletri-Roma, all'altezza di Lanuvio. Eva Maria Derezinska, 66 anni, di origine polacca, ma da 35 residente nel piccolo centro dei Castelli, racconta l'incubo vissuto nel tardo pomeriggio dell'altro ieri. Erano passate da pochi minuti le 18. Buio fitto in tutta la zona, pioveva: la donna, dopo aver fatto la spesa, stava tornando a casa alla guida della sua Renault Clio. All'improvviso, però, è accaduto il peggio: attraversando il passaggio livello di via Monte Giove quando le sbarre erano ancora alzate - per evitare un'auto che viaggiava nel senso opposto, ha sterzato sulla destra, finendo bloccata sullo scalino di ferro e cemento che dà sulla massicciata. Attimi di orrore e terrore puro. Eva era disperata, impotente. Cercava di ripartire, ma la vettura era incagliata.

Alessandro Paronitti, 37 anni, morto per colpa di un phon lasciato sul divano: la scoperta della fidanzata


L'IMPATTO
A quel punto, dopo una manciata di minuti, un convoglio diretto a Roma si è materializzato sui binari ad alta velocità e ha travolto in pieno l'auto, spostandola di quasi 400 metri, mentre lei balzata all'indietro sotto le sbarre, guardava in lacrime la scena. Un impatto fortissimo, l'auto distrutta, ma fortunatamente nessun ferito neanche tra le 15 persone - due dipendenti delle Ferrovie e 13 passeggeri a bordo del locomotore. «È stato tremendo, percorro quel tratto da più di 30 anni prosegue nel racconto la miracolata e non ho mai avuto inconvenienti. Giovedì sera però è entrato in gioco un fatto casuale, la sfortuna: sono stata costretta ad effettuare una manovra brusca per evitare un'altra macchina, che tra l'altro ha acceso i fari proprio in quel momento, e sono finita su una piattaforma di metallo, incastrata. I secondi passavano e io sudavo freddo, cercavo anche un pezzo di legno per sollevare la ruota, non sapevo più cosa fare in un attimo, davanti ai miei occhi, ho immaginato il disastro che poteva accadere». Ad aiutare Eva Maria, comprensibilmente in preda al panico, è stato un giovane conducente di un furgoncino che viaggiava dietro la Clio. Il ragazzo, dopo aver tentato di spostare l'auto, ha preso per un braccio la donna per portarla via. «Quando abbiamo capito che era impossibile rimuovere la macchina, ho agguantato la borsa dal sedile e sono volata fuori. Poi abbiamo contattato il 115 per dare l'allarme sperando di essere ancora in tempo, ma abbiamo impiegato più di qualche minuto per poter parlare con gli operatori».


RIMOZIONE COMPLICATA
Prima di chiamare i vigili del fuoco, la conducente ha anche tentato con un numero di soccorso riportato su un cartello, che non è riuscita a leggere, però, per il buio. E pochi minuti dopo nella cittadina di Lanuvio rimbalzava la notizia: tanti hanno pensato al peggio, poi un sospiro di sollievo tirato quando si è saputo che dentro l'auto, ridotta a un groviglio di lamiere, non c'era nessuno. «Per la rimozione della vettura ha spiegato ieri mattina Riccardo Ciofi, sindacalista della Cisl presso il comando dei vigili del fuoco di Roma è stato necessario l'arrivo di un automezzo partito dal magazzino di caricamento di via Nomentana, dotato di attrezzature particolari per sezionarla e poterla spostare dal gradino, un'operazione difficoltosa durata molte ore, che ha richiesto l'uso di cesoie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA