Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, scuola Pisacane nel mirino dei ladri: quattro furti in un mese. Spariti i notebook acquistati per la Dad

Roma, quattro furti in un mese alla Pisacane rubati notebook acquistati per la Dad
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Febbraio 2021, 18:51 - Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio, 01:30

Quattro incursioni notturne, anche con furti, in un solo mese. Accade in una scuola di Roma, la Pisacane, nel quartiere di Torpignattara. A riferirlo è la preside Rosanna Labalestra che racconta: «In un mese contiamo quattro incursioni notturne nella nostra scuola. Al terzo tentativo sono riusciti a rubare una parte dei notebook che avevamo acquistato per la Dad». Stamattina l'ultima incursione, «ma alla scuola dell'infanzia che però fa capo al Comune». I bambini dell'asilo oggi non sono entrati.

Scuole occupate a Roma, il prefetto Piantedosi: «No a proteste fuori controllo, i ragazzi devono fare i tamponi»

Dopo il furto dei notebook, si era interessato del caso anche Lapo Elkann che aveva twittato questo commento corredato dalla foto della Pisacane: «Nessuno deve rubare il futuro ai bambini. Ladri hanno rubato da una scuola pc per la Dad destinati alle famiglie più fragili. Rubare è reato e atto vile. In questo caso ancora di più visto che si privano i bambini di strumenti didattici». Oggi la preside spiega: «Dalle dinamiche mi sembra il frutto di un'emergenza sociale...andare a rubare in una scuola è simbolico di un disagio. I notebook li avevamo acquistati per le famiglie più bisognose. Hanno rubato quel che capitava loro a tiro, finanche nella mensa...Io, ovviamente, ho denunciato tutte le volte».

La dirigente scolastica ha ricevuto il sostegno del ministero dell'Istruzione: «Ci ha rifornito di notebook e ci sta aiutando per installare un sistema di videosorveglianza. Serviranno anche inferriate alle finestre. Sicuramente trovo disagio nel dover blindare la scuola», commenta Labalestra. Che sottolinea: «Nel quartiere non siamo l'unica realtà colpita, sappiamo che anche in un'altra scuola hanno rubato tutti i notebook»

© RIPRODUZIONE RISERVATA