Fidene, paura a scuola: vetrata cade su un banco. «Era vuoto, per miracolo»

Fidene, paura a scuola: vetrata cade su un banco. «Era vuoto, per miracolo»
di Raffaella Troili
4 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Maggio 2021, 00:07

Una vetrata è precipitata sul banco, l’unico vuoto in classe, nella II C. Paura martedì mattina nella scuola elementare Anna Frank che fa parte dell’istituto comprensivo Fidenae. «Per fortuna il bambino che siede lì era assente. Altrimenti sarebbe stato colpito in pieno da una vetrata e dall’infisso arrugginito che la circonda. Tanto spavento sia per i compagni di classe che per tutto il personale scolastico. Era l’ora di religione è il docente avrebbe detto alla preside: «È venuta giù una finestra. È stato un miracolo, per fortuna nessuno si è fatto male». I ragazzi sono stati allontanati dall’aula. Tutti i genitori immediatamente informati. È iniziato il tam tam di preoccupazione e allarme. «La preside - dicono i genitori - ha detto che da tempo ha scritto a prefettura e municipio III per chiedere una manutenzione degli infissi. Visto che cadono a pezzi e già a settembre nella stanza degli uffici di segreteria era caduta un’altra vetrata e anche in quel caso nessuno per fortuna si era fatto male. Ma da allora hanno riparato solo quella, senza nessun altro controllo. Dicono che mancano i fondi e che appena ci saranno la Anna Frank sarà la prima a essere coinvolta».

L’allarme -  I genitori stanno raccogliendo firme da portare al Municipio «la mamma di quel bambino starà baciando per terra per averlo tenuto a casa ma ogni nostro figlio è in pericolo». Intanto la scuola ha allontanato tutti i banchi dalle finestre. «Meglio non rispettare le distanze, tra i due mali, meglio il rischio covid che rischiare una finestra in testa». Ricordano: «Con quelle finestre ci siamo cresciuti noi, sono arrugginite, il tempo, le infiltrazioni le hanno deteriorate. «Tanta paura questa mattina, tutti volevamo sapere perché la scuola non interviene, non si fa una manutenzione straordinaria dell’edificio, ogni nostro figlio può rischiare, temiamo che si ripari solo quella finestra mentre è ora di intervenire con una vera e propria messa in sicurezza».

Il consiglio intanto allontanate i banchi dalle finestre, anche se una parziale messa in sicurezza è partita. Spiega Claudia Pratelli, l’assessore alla Scuola del Municipio: «Siamo andati sul posto immediatamente, la nostra ditta che ha l’appalto della manutenzione con l’architetto dell’ufficio tecnico. Già partito un intervento precauzionale di messa in sicurezza delle finestre in vasistas in alto, intervento emergenziale, verranno chiuse e bullonate. Contemporaneamente stanno verificando le condizioni di ciascun infisso, tutto questo per evitare di spostare i banchi e per non convivere con una situazione di ansia tutti quanti e specie chi manda il figlio a scuola lì. Facciamo i salti mortali per ottenere i fondi, in generale diverse scuole del municipio risentono di una storica e strutturale inadeguatezza di risorse per la manutenzione». Mario Astolfi, consigliere municipale della Lega ha inviato una nota all’assessore e al presidente Giovanni Caudo per chiedere informazioni in merito alla manutenzione della scuola, «è assurdo che una scuola elementare possa essere un rischio per l’incolumità degli alunni. Quando vengono sperperate in questo municipio risorse per progetti non essenziali». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA