Roma, evade dai domiciliari e aggredisce l'ex compagna al bar dove lavora

Venerdì 28 Dicembre 2018

Stalker recidivo non dà tregua all'ex compagna. E' la triste storia di un 47enne italiano che ha pensato bene di evadere dai domiciliari, ai quali era finito per aver aggredito l'ex compagna, e di recarsi al posto di lavoro della donna nel tentativo di aggredirla nuovamente. A fermarlo, gli agenti del Commissariato di Civitavecchia, diretto da Nicola Regna.

Ricostruiamo la storia nel dettaglio. L'uomo era stato arrestato il 23 dicembre scorso per maltrattamenti contro familiari, minaccia, resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale nonché lesioni personali aggravate contro quest'ultimi. Dopo essersi portato presso il bar della ex compagna, l'aveva aggredita verbalmente e fisicamente. Poi, si era scagliato anche contro i poliziotti che erano intervenuti sul posto in difesa della donna. Tratto in arresto, l'uomo è finito ai domiciliari.

Nella serata del 24 dicembre, tuttavia, durante un normale controllo delle persone sottoposte a varie misure cautelari, gli agenti del Commissariato di Civitavecchia non l'hanno trovato in casa e si sono recati immediatamente al bar, luogo dell'aggressione avvenuta il giorno precedente, e qui, tra gli avventori, hanno individuato il 47enne che si stava aggirando all'interno dei locali in attesa che la donna arrivasse per iniziare il turno di lavoro. Bloccato dagli agenti, è stato arrestato per evasione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA