Massimo Ghini: «Rivoluzione per Roma se i cittadini collaborano»

Massimo Ghini: «Rivoluzione per Roma se i cittadini collaborano»
di Gianluca De Rossi
3 Minuti di Lettura
Domenica 15 Maggio 2022, 09:42

Massimo Ghini, attore e regista romano, risponde con un sorriso e con tanto entusiasmo all'appello di Clemente Mimun contenuto in quella lettera ai romani che il direttore del TG5 ha inviato al Messaggero, appello con il quale chiede ai romani sia di darsi da fare per affrontare la lunga lista dei mali endemici della Capitale, tutti gli elementi che fanno parte del degrado di Roma, dai rifiuti non raccolti alle buche nelle strade, dai mezzi pubblici spesso in panne ai cinghiali, topi e gabbiani, sia di porre fine alla rassegnazione di non poter cambiare le cose.

Massimo Ghini, cosa risponde all'appello di Mimun?
«A Clemente rispondo: presente! Pensi che ci conosciamo dai tempi della scuola. Amo Roma e combatterò per il suo decoro».

E ai romani cosa si sente di dire?
«Dico che devono, anzi, dobbiamo sentirci tutti sindaci».

Cosa vuol dire?
«Che dobbiamo essere noi i primi a prenderci cura della città».

Un invito a fare e a non delegare?
«Certamente. È arrivato il momento di fare una rivoluzione per salvare la Capitale: dobbiamo tutti ribellarci al degrado».

Teme che i romani siano davvero così rassegnati da non poter cambiare questa situazione?
«Dico che non si devono aspettare che siano altre persone a fare ciò che devono fare loro, cioè noi.

Non possiamo assumere 3 milioni di netturbini, quindi è ora di tirare fuori il nostro senso di responsabilità e cominciare ad aver cura della nostra città».

Un impegno importante...
«Sì, è rivoluzione, ribellione».

Coinvolgendo anche i più giovani?
«Sicuro, bisogna investire sui ragazzi. Magari trovando il modo di remunerarli in qualche modo, senza pestare i piedi a categorie professionali o ai sindacati».

Ha una ricetta per coinvolgere i romani?
«Dalla mia esperienza di consigliere comunale (tra il 1993 e il 1998, ndr) ho imparato che bisogna responsabilizzare i romani con il porta a porta».

In che senso?
«Che bisogna andare a bussare a tutte le porte. Gli amministratori devono trovare il modo di coinvolgere tutti i romani».

E al Comune e ai politici cosa suggerisce?
«Di fare in modo che i riflettori rimangano sempre accesi sulla Capitale».

Intende i ciak?
«Voglio dire eventi che siano in grado di portare risorse alla città. Giro il mondo da tanti anni e vedere le altre capitali europee, come Parigi o Berlino, così organizzate, ecco questo un po' mi infastidisce. Cosa hanno più di Roma? Nulla, anzi, hanno molto meno. E non continuino a dirmi che la bellezza dei monumenti sta nella loro vuotezza. Bisogna cambiare passo e dare luce a tutta la bellezza di Roma e far vivere la città».

Che tipo di eventi immagina?
«Tutti gli eventi. Quindi, non solo quelli grandissimi come il concerto di sir Paul McCartney al Colosseo, ma anche gli incontri culturali, la Festa del cinema: tutti danno la ribalta internazionale a Roma, e anche quattrini».

Questo basterà?
«No, ci vuole il cuore della città per cambiare. E questo cuore deve essere il rispetto per Roma. Anche nelle piccole cose, come, ad esempio, gettare l'immondizia dove si deve e non abbandonarla, usare mezzi pubblici al posto dell'auto. Se noi romani parcheggiamo in doppia fila, come possiamo pensare che i turisti e chi arriva nella nostra città possano rispettarla? Se non siamo noi i primi a dare l'esempio...».

Pensa che i romani la ascolteranno?
«Faccio anch'io un appello ai romani. Non solo, anche ai romanisti e ai laziali: è arrivato il momento di fare qualcosa per la Capitale».

Come disse Wojtyla...
«Esatto: Damose da fa' e volemose bene, semo romani!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA