Violenza a Roma, parte la conta dei danni: «Persi 7 milioni di incassi»

Molti negozi costretti a chiudere alle 15

Violenza a Roma, parte la conta dei danni: «Persi 7 milioni di incassi»
di Raffaella Troili
4 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Ottobre 2021, 08:02 - Ultimo aggiornamento: 08:13

La conta dei danni. Amara, perché nessuno ha più voglia di perdere colpi, perché Roma non se lo può permettere. All'indomani degli scontri in Centro Valter Giammaria presidente Confesercenti Roma parla di «centinaia di euro di mancato incasso, di commercianti barricati nei negozi con clienti e turisti spaventati. Il danno per l'immagine di Roma è incalcolabile - commenta - la protesta democratica non si discute ma danneggiare così le attività produttive in questo momento di grande crisi e pandemia. Non si possono avere mille manifestazioni l'anno nel centro storico per giunta ora che c'è questa deriva violenta. Ha trovati tutti impreparati. Chiederemo al prefetto un incontro per parlare di manifestazioni, il risultato è sotto gli occhi di tutti negozi chiusi, calo incassi».

No vax, il volto normale tra ristoratori e pensionati pronti a diventare violenti

Claudio Pica presidente di Fiepet Confesercenti scuote la testa demoralizzato: «Si parla tanto di decoro della città, poi diamo l'immagine all'estero ma anche ai romani che bastano mille esagitati per bloccare la città. Con danni incalcolabili: il settore ha perso almeno 6 milioni di euro in un giorno. Tutto il centro ha risentito, prenotazioni disdette, locali irraggiungibili, da Prati a Parioli da Campo de Fiori a San Lorenzo in Lucina. Tutti abbiamo avuto paura, a Cola di Rienzo arrivava gente spaventata, chi lavora la sera, con gli aperitivi in primis è stato colpito, nessuno ha più avuto voglia di venire in centro, migliaia di locali ne hanno risentito, solo la Barcaccia in un giorno ha perso oltre 4mila euro come Giolitti. Con il prefetto dobbiamo individuare nuovi percorsi perché queste cose non devono essere più tollerate. Io non ho mandato mia figlia ai Parioli, le ho trovato un'alternativa a Ostiense e l'ho accompagnata».

Umberto I, un infermiere dopo l'assalto: «No Green pass arrivato in ospedale ci urlava "siete degli schiavi". Poi ha colpito una collega»

Romolo Guasco direttore di Confcommercio Roma oltre che sui mancati incassi «alle tre, vista la malparata molti hanno chiuso» si rammarica per l'effetto psicologico: molti avranno rinunciato alla passeggiata in centro, «il danno maggiore è quello psicologico: si è creata una condizione di inaccessibilità, di paura, di complicazione nei confronti del centro storico di Roma e questa è una cosa che ce la porteremo dietro per tempo: sai quanta gente ora dirà ma no, non andiamo in centro chissà che succede, c'è una manifestazione. Dispiace anche che l'oggetto della manifestazione sia un tema su cui siamo in completo disaccordo: vaccini e green pass stanno portando alla normalità dunque non si capisce cosa stiamo a protestare». Sulla stessa linea Stefano Di Niola, segretario Cna Roma. «Un attacco così feroce non lo ricordo, una nostra delegazione è stata a Corso d'Italia in Cgil, certi valori vengono prima dell'economia».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA