ROMA

Roma città aperta: da un'idea di Giulia Ananìa arriva la maratona solidale "Calzetta sospesa" per i senzatetto

Venerdì 20 Dicembre 2019 di Gustavo Marco Cipolla
Giulia Ananìa_Courtesy of Press Office

Se a Napoli '"o cafè suspiso" è un gesto di solidarietà che prevede un espresso già pagato in un bar a beneficio di uno sconosciuto, in vista delle festività natalizie nella Capitale arriva La Calzetta sospesa. L'idea è della cantautrice e poetessa Giulia Ananìa, che vanta collaborazioni con artiste del calibro di Paola Turci, Emma Marrone, Laura Pausini, e che per quella che per lei è la sua cosmopolita "Roma Bombay", come canta in uno dei suoi album, ha pensato ad una calza solidale per i senzatetto. Dal 22 dicembre al 6 gennaio, i cittadini romani (ma non solo) potranno lasciare un piccolo-grande regalo del valore di 3 euro per i più bisognosi che non hanno una fissa dimora presso le attività commerciali che hanno aderito all’iniziativa.
 

 

Per l'intero periodo delle feste l'offerta volontaria contribuirà a donare una fetta di pandoro, cioccolata calda, maritozzi o un buon panino farcito in base alle specialità degli esercenti coinvolti nella maratona charity. Un caloroso dono per chi, purtroppo, con il 2020 alle porte conosce ancora la povertà, il disagio economico e l'emarginazione sociale. «Da artista e donna non posso stare con le mani in mano e chi ama la nostra città non può non fare qualcosa. Per questo motivo ho ideato La Calzetta sospesa. Non si può scrivere canzoni e fare concerti solo per chi puo' permetterselo e non mi piace che nel mondo si parli di Roma come di una città depressa, triste ed egoista. Una Roma dove i teatri chiudono, i commercianti fregano il prossimo e gli abitanti sporcano. No, la mia città non è assolutamente tutto questo. Voglio raccontare un posto diverso, la Roma sorniona, strafottente, contraddittoria ma "città aperta", che aiuta chi non ha una casa, magari perchè ha perso il lavoro o viene da un paese in cui si combatte ancora. Come quella che, nel dopoguerra, il giorno della Befana, vedeva tante signore nobili impegnate a impacchettare i regali per i bambini poveri. Quella Capitale che omaggiava il pizzardone (vigile urbano) con dolci e vestiti per la famiglia e che sa mangiare, divertirsi ma essere anche generosa. La mia fonte di ispirazione, alla quale dedicherò un concerto speciale nella giornata conclusiva del 6 gennaio insieme ai senzatetto di cui si occupa l'associazione Binario 95.- spiega entusiasta Giulia Ananìa - Il live, aperto a tutti, sarà soltanto una piccola parte dell'iniziativa benefica perchè la cosa piu importante è che in queste giornate di festa, quando andrete a comprare un panettone, penserete anche a chi vive al freddo. Insomma, mi aspetto una grande partecipazione con le offerte delle calzette». Festa conclusiva il giorno dell'Epifania al Palazzo del Freddo Giovanni Fassi, in via Principe Eugenio all'Esquilino, fra street art per i più piccoli dalle ore 15.30, degustazioni gratuite a cura degli aderenti al progetto e, a partire dalle 18.30, uno spettacolo di Ananìa in musica con poesie romanesche e tributi canori ai miti Gabriella Ferri e Anna Magnani. Poi, la storia e i segreti sconosciuti della Befana romana, simbolo di generosità, con la sociologa urbana Irene Ranaldi dell'associazione Ottavo Colle. Al party sarà presente Binario 95, polo sociale da anni impegnato nel sostegno delle persone che non hanno una casa e che si trova alla stazioneTermini, negli spazi concessi in comodato d’uso gratuito dalle Ferrovie dello Stato Italiane alla cooperativa Europe Consulting Onlus. Non mancheranno i momenti letterari e un reading d'autore con le letture dal libro "Ogni storia ha il suo gusto", volume che raccoglie episodi sulla vita delle persone che vivono nel centro di accoglienza e deliziose ricette elaborate dal maestro gelataio Andrea Fassi. "La Calzetta sospesa" è organizzata in sinergia con le gelaterie Palazzo del Freddo Giovanni Fassi Otaleg!, la pasticceria di quartiere NeroVaniglia, Ottavo ColleBinario 95 e la paninoteca Dar Ciriola al Pigneto. 

Ecco gli indirizzi dove sarà possibile lasciare "La Calzetta sospesa":

Palazzo del Freddo G. Fassi: via Principe Eugenio 65/67, Esquilino;
Otaleg!: Via di S. Cosimato 14/A, rione Trastevere ; 
Dar Ciriola: Via Pausania 2, rione Pigneto;
NeroVaniglia: Circonvallazione Ostiense 201, quartiere Garbatella e Ostiense.

Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 19:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma