ROMA

Roma, 16enne cinese si scaglia contro banda di rom: sventa rapina, ma finisce in ospedale. Il Campidoglio lo premierà

Mercoledì 26 Febbraio 2020 di Marco De Risi
2
Sventa una rapina e finisce in ospedale: 16enne cinese sarà premiato dal Campidoglio

Un ragazzino di 16 anni che non si tira indietro. Corre per sventare una rapina trovandosi da solo contro tre banditi. Lui è un ragazzo cinese, Jie, che ha dimostrato coraggio e ha sventato un reato non senza conseguenze: è stato picchiato a sangue dai tre, descritti di etnia rom e portato al San Camillo con ferite e lividi per le percosse. Ora il Comune di Roma vuole premiarlo proprio per il senso civico e la solidarietà dimostrati. 

LEGGI ANCHE Torna la banda degli orologi di lusso, colpo a Prati. In azione anche le rapinatrici che derubarono Manzini

La sventata rapina si è registrata ieri verso le 16, su un tratto di via Tempio degli Arvali, al Trullo. Il ragazzino era in compagnia della mamma, quando ha visto i tre nomadi picchiare un uomo peruviano di 33 anni. Perchè quelle botte? I tre stavano rapinando lo straniero del suo monopattino. Ma ecco che il ragazzo cinese, incurante dei consigli della madre, si è scagliato contro il gruppo di malviventi. Lui ha preso diversi pugni sul volto ma i tre rapinatori sono fuggiti senza il monopattino. Subito si è creato un capannello di curiosi. Jie era in terra con il naso sanguinante mentre la madre lo accudiva in lacrime. E’ arrivata un’ambulanza ed ha trasportato il ragazzino al San Camillo. I medici hanno medicato il minore per alcune ecchimosi e la sospetta frattura del naso. Del caso si occupa la polizia.

Ultimo aggiornamento: 16:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua