ROMA

Roma, alla scoperta del borgo medievale di Isola Farnese, un gioiello sulla Cassia

Lunedì 25 Maggio 2020 di Maria Serena Patriarca
Veduta del Borgo di Isola Farnese

C’è un piccolo borgo medievale alle porte di Roma, lungo la via Cassia, che per il silenzio e le case adornate di fiori che lo contraddistinguono rievoca quasi il paese delle fiabe. Deliziosi balconi e scorci da sogno fanno del minuscolo antico borgo di Isola Farnese, a due passi dal Parco di Veio, una vera gioia per gli amanti del relax e della tranquillità a chilometro zero. Dominato dall’imponente Castello Farnese, il borgo, a cui si accede da una scalinata dove troneggia una colonna romana dal capitello finemente intarsiato, ha anche una bellissima chiesa, dedicata a San Pancrazio martire (santo patrono di Isola Farnese), con affreschi del Quattrocento molto ben conservati. Situato su una panoramica collina (una rupe vulcanica) da cui con la vista si domina il verde sterminato del Parco, il borgo medievale di Isola Farnese è caratterizzato da piccole abitazioni ricche di fiori e decori, molti dei quali rievocano le origini etrusche di questa aerea del Lazio.

 

 

Su questo territorio, dove già dalla fine dell’Età del Bronzo vi furono insediamenti umani, sorgeva in epoca antica Castrum Insulae. Isola Farnese incominciò la sua nuova fioritura intorno al XVII secolo, quando il cardinale Alessandro Farnese acquistò il Castello, edificato nel Cinquecento. Il Castello, separato dal resto dell’abitato da un fossato artificiale (sui cui si poteva passare attraverso un ponte levatoio) presenta sull’arco d’ingresso lo stemma cardinalizio con i gigli della nobile famiglia dei Farnese. L’imponente struttura, nonostante dimostri caratteri architettonici del XVI secolo, sorge su di un precedente fortilizio medievale che risale all’anno 1003. Da quando il Castello divenne proprietà dei Farnese il borgo divenne fiorente anche come punto di commercio dei gustosi prodotti dell’enogastronomia locale. Le abitazioni della popolazione sorgevano intorno alla rocca, talvolta incastonate nel tufo. Il nome Isola Farnese deriva proprio dal fatto che il borgo si erge sulla rocca di tufo circondata dal Fosso Piordo, quindi come una sorta di vera e propria isola. Nelle vicinanze di Isola Farnese vi consigliamo di fare tappa anche alle Cascate della Mola, presso l’antico Mulino che costituisce uno degli accessi al Parco di Veio.

Ultimo aggiornamento: 14:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani