Roma, arriva la App per le famiglie: ristoranti, alberghi e musei per bambini, come iscriversi

Roma, arriva la App per le famiglie: ristoranti, alberghi e musei per bambini, come iscriversi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 25 Maggio 2022, 12:46 - Ultimo aggiornamento: 12:47

C’è il ristorante con il menu bambini, la casa vacanze vicino alla metro, il teatro con gli sconti famiglia, la libreria dedicata ai bambini, la pizzeria comoda per famiglie numerose, il museo con i laboratori didattici, e tanto altro, tutto geolocalizzato in un’unica APP che unisce il concetto e le funzionalità tipiche di una rete sociale con i servizi dedicati alla famiglia.

Si chiama “Spazio famiglia” come il progetto pilota del Forum delle Associazioni Familiari, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della Famiglia, che prevede una sperimentazione localizzata nelle città di Roma e Palermo, ed è stata presentata stamane in Campidoglio.

My Safe Place, nasce il servizio di trasporto per bimbi e anziani: auto sanificate ad ogni corsa e hostess a bordo

Le strutture

Tutte le strutture ricettive inserite nella piattaforma sono state individuate e selezionate sulla base di criteri ben definiti e successivamente certificate ufficialmente attraverso la firma della convenzione e il rilascio del Marchio Spazio Famiglia. Ad averlo, alberghi, strutture di ospitalità, ristoranti, punti di ristorazione, musei, siti culturali, librerie, teatri, spazi per spettacoli dal vivo,   che presentano arredi e accessori child friendly, facilità di individuazione, prenotazione e servizi di accoglienza per famiglie, attività e servizi extra, menù per bambini e scontistiche per la famiglia.

«Questo progetto vuole essere un modo per creare una rete tra famiglie. Vogliamo dare protagonismo alle famiglie, che potranno recensire i luoghi e darsi consigli segnalando locali family friendly. Un passo avanti per trasformare le città sempre più a misura familiare- ha dichiarato Gigi De Palo, Presidente nazionale del Forum delle Associazioni Familiari – Abbiamo già ricevuto richieste di adesione da altre città e ci auguriamo di poter estendere la sperimentazione per far diventare il Marchio Spazio Famiglia la garanzia per le famiglie di riconoscere quei luoghi in cui sentirsi a casa ovunque lo troveranno esposto. Al di là della politica, al di là dell’assegno unico o del Family act, anche le amministrazioni locali possono fare molto anche attraverso questo tipo di applicazioni per sostenere le famiglie e valorizzare gli aspetti family friendly di esercenti dell’ospitalità, della ristorazione, della cultura e del commercio».

Ai fini del coinvolgimento di un numero crescente di strutture, il Forum ha stipulato delle convenzioni con i maggiori Enti di Categoria operanti nel settore, quali Zètema, Fipe e Federalberghi Roma che hanno contribuito alla diffusione del Marchio.

COME FUNZIONA LA APP

La mappa costituisce il nucleo fondamentale dell’app, il punto di partenza e l’imprescindibile strumento tramite il quale l’utente potrà individuare e scoprire gli esercizi commerciali con il Marchio Family più adatti alle proprie esigenze.

Con la mappa interattiva, l’utente potrà visualizzare le strutture certificate con il Marchio nelle vicinanze, tramite meccanismo di punti di interesse posizionati sulle coordinate GPS dei singoli esercizi. All’avvio la mappa sarà centrata sulla posizione attuale dell’utente che sarà quindi individuato tramite GPS o per approssimazione tramite la connessione mobile/wifi. Le icone dei marker (segnaposto) corrispondenti agli esercizi potranno essere connotate da un aspetto grafico o cromatico diverso, a seconda della tipologia alla quale appartengono o a caratteristiche peculiari (ad esempio “I più visitati”).

COME ISCRIVERSI

Gli esercenti interessati al percorso di certificazione, devono collegarsi ad internet al seguente indirizzo: www.spazio- famiglia.it e cliccare sulla sezione Iscriviti e compilare https://forms.gle/QFrHzzi8aTsAvMgM9 il questionario con il nome della struttura, l’indirizzo e il nome del referente per la certificazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA