Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, saccheggiavano i beni di anziani soli: arrestati un avvocato e un imprenditore

Roma, saccheggiavano i beni di anziani soli: arrestati un avvocato e un imprenditore
2 Minuti di Lettura
Martedì 19 Maggio 2020, 14:41

Truffavano le persone anziane, si approfittavano delle loro condizioni di solitudine e incapacità di intendere e volere e "saccheggiavano" senza scrupoli tutti i loro beni. Uno sciacallaggio andato avanti per mesi, messo in atto da Francesco Luoni, avvocato di 51 anni, e Maurizio Chianese, imprenditore di 60 anni, che ora sono finiti in manette al termine di un'indagine della Guardia di Finanza.

Case di riposo con il trucco, indagati quarantatrè medici

Coronavirus, «Signora, veniamo a casa a farle il tampone». Occhio agli sciacalli

Coronavirus, «Siamo della Protezione civile, verremo a fare il tampone»: ma è un fake

Sottraevano gli anziani ogni loro bene tanto che il Gip di Roma che ha firmato l'ordinanza del loro arresto ha descritto la loro attività un vero e proprio «saccheggio». Peculato e corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio sono i reati per i quali la guardia di finanza di Roma ha arrestato un avvocato e un imprenditore della Capitale. Questa mattina, infatti, i militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Roma hanno eseguito un'ordinanza con la quale il Tribunale capitolino ha disposto, su richiesta della locale Procura della Repubblica, la custodia cautelare in carcere dell'avvocato e dell'imprenditore.

Le indagini, svolte dai finanzieri della Sezione di polizia giudiziaria e del Nucleo di polizia economico-finanziaria - Gruppo tutela spesa pubblica, hanno permesso di ricostruire quelle che si pensa essere l'attività di Luoni che, in qualità di amministratore di sostegno di persone molto anziane, totalmente incapaci di intendere e di volere, e di Chianese. La loro attività, come evidenzia il Gip nel provvedimento, rappresenta «un vero e proprio 'saccheggiò delle proprietà» delle vittime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA