Rocca di Papa, quintali di sale contro la neve

Rocca di Papa, quintali di sale contro la neve
di Tiziano Pompili
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Gennaio 2021, 12:26

Un primo “assaggio” c’è già stato lo scorso 26 dicembre con i primi fiocchi che hanno imbiancato la zona dei Campi d’Annibale e di Monte Faete. Ma il Comune di Rocca di Papa vuole farsi trovare pronto nel caso in cui le precipitazioni nevose (e le gelate) si ripropongano in maniera più corposa nei prossimi giorni e quindi rispolvera il suo “piano neve”, preparando le “scorte” di sale e acquistandone circa 300 quintali. I responsabili della seguitissima pagina Facebook “Meteo e territorio Rocca di Papa”, molto attenti alle previsioni sul comune più alto dei Castelli, hanno previsto neve per martedì o mercoledì (il giorno dell’Epifania).

Qualora questo si verifichi il Comune roccheggiano non si farà trovare impreparato, come spiega il comandante della polizia municipale, Gabriele Di Bella, per moltissimi anni in prima linea a Roma, che coordina le operazioni. «Abbiamo un piano - dice il capo della Municipale - al quale ho apportato qualche adeguamento da quando sono qui (circa un anno e mezzo, ndr). Mi sono preoccupato soprattutto di far acquistare il sale ad un prezzo nettamente inferiore rispetto al passato, il 70% in meno senza nemmeno dover pagare il trasporto: si può dire che il costo del sale è meno salato – sorride Di Bella – In ogni caso, ricordo ai cittadini e ai negozianti che la pertinenza è privata in prossimità dell’uscio delle loro case o delle attività commercianti, mentre il Comune ovviamente ha la competenza per le strade di sua proprietà e si coordina con la Città Metropolitana e l’Astral per quelle di carattere provinciale e regionale».

Di Bella fornisce anche un altro dato curioso: «Il Comune di Rocca di Papa utilizza circa 30 bancali di sale (il corrispondente di 300 quintali, ndr) negli anni senza neve, solo per prevenire i problemi e gestire le “gelate” che sono estremamente pericolose. «L’anno scorso non abbiamo avuto nevicate importanti, ma d’altronde si sa che il sottoscritto porta la primavera...», scherza ironicamente Di Bella, pronto a coordinare anche i gruppi di volontariato della protezione civile (Pro.Ci.Co. e A.S.A) e le ditte di supporto. Anche il sindaco Veronica Cimino (tornata operativa dopo il mancamento poco prima di Natale) e la sua amministrazione hanno studiato il da farsi in caso di peggioramento meteo. «In via Frascati servirebbe già buttare sale», scrive una cittadina su uno dei gruppi Facebook della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA