Roma, rimpasto, per l’Ambiente spunta il geologo Tozzi. L’ad di Ama verso l’uscita

Domenica 10 Febbraio 2019 di Lorenzo De Cicco
«Dopo Pinuccia, tocca all’Ama», dicono nei corridoi di Palazzo Senatorio. L’addio di Giuseppina Montanari detta Pinuccia, fedelissima di Beppe Grillo nella giunta di Roma, rischia di essere la prima tessera del domino. La seconda porta a Lorenzo Bagnacani, manager di lungo corso approdato sulla tolda di comando della municipalizzata dei rifiuti anche grazie al rapporto con l’ormai ex assessora all’Ambiente. Il presidente e ad di Ama, venerdì sera, appena saputo delle dimissioni di Montanari, ha convocato un Cda per il primo giorno utile, lunedì. Domani. A Palazzo Senatorio hanno cerchiato la data di rosso, è il giorno del redde rationem. Secondo alcune fonti comunali, Bagnacani è già al game-over. Partita finita, «domani lascerà». Altre fonti invece prevedono tempi un po’ più lunghi, per via della trattativa sulla buonuscita che il dirigente dovrebbe percepire e che, in caso di dimissioni volontarie, salterebbe.

Ma una cosa è certa: per tutti, a Palazzo Senatorio, l’avventura del dirigente emiliano è all’ultima curva. Sarà il quarto presidente di Ama a saltare, da quando il M5S governa Roma. Bagnacani è rimasto senza coperture politiche, dopo l’addio di Montanari. Al Cda ci sarà anche un rappresentante della giunta. In Campidoglio dicono che per la successione, c’è già la soluzione pronta. Tra i nomi discussi in questi giorni, c’è Stefano Zaghis, che sembrerebbe però destinato al posto di diggì. Per la poltrona che fu di Montanari, da assessore all’Ambiente, Raggi non ha ancora deciso. Avrebbe voluto Laura D’Aprile, ma la dirigente a capo della Divisione Rifiuti del Comune vuole restare dov’è, a presidiare un ufficio che ha dovuto contrastare molte pressioni, in questi mesi, a partire dagli autodemolitori. C’è chi ha proposto la portavoce del ministro Costa, Stefania Divertito, apprezzatissima ai piani alti del M5S, sia nazionale che romano, e giornalista con un marcato profilo ambientale. Ma anche lei avrebbe preferito restare al suo posto.

Raggi sta vagliando diversi nomi. C’è chi ha suggerito Mario Tozzi, geologo e popolare volto tv, dopo avere condotto programmi come “Gaia” sulla Rai e “Atlantide” su La7. Nel Cv ha pure qualche esperienza amministrativa, alla guida del Parco dell’Arcipelago Toscano e di quello dell’Appia antica. Raggi sta vagliando anche il profilo di Rossano Ercolini, coordinatore del Centro di Ricerca Rifiuti Zero, che nel 2013 ha ricevuto il Goldman Environmental Prize. Qualche consigliere grillino vorrebbe fare il salto da assessore, ma Raggi ha messo il veto: le regole M5S vanno rispettate. Nessun incarico anche per l’ex assessora Paola Muraro, un possibile ritorno seccamente smentito dal Campidoglio. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma