Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rifiuti, ecco come funzionerà il termovalorizzatore di Roma

Entro luglio sarà annunciato il piano

Un termovalorizzatore
di Fabio Rossi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Luglio 2022, 12:24 - Ultimo aggiornamento: 21:28

Uno strumento indispensabile a chiudere il ciclo dei rifiuti, evitare emergenze e offrire vantaggi anche economici alla Città eterna, sotto forma di produzione di energia. Il termovalorizzatore di Roma dovrebbe sorgere nell'area industriale di Santa Palomba, a sud della Capitale, al confine con i comuni di Pomezia, Ardea e Albano.

L'impianto, secondo i progetti, tratterà dalle 400 alle 600 tonnellate al giorno di rifiiti indifferenziati, con una frazione di umido. Accanto al termovalorizzatore sorgerà una mini discarica di servizio, in grado di ospitare temporaneamente un massimo di 300 tonnellate di scarti. Questi ultimi, peraltro, che non dovrebbero superare l'8 per cento dell'immondizia che sarà avviata al trattamento.

Roma, turisti presi di mira: «Ora più vigili e controlli». Allarme sicurezza

Rifiuti a Roma, raccolta grazie a una tessera: ecco i cassonetti smart, mossa anti-emergenza

In ogni caso, a servizio del termovalorizzatore ci saranno altri due impianti: uno «con sistemi innovativi di cattura e di utilizzo delle emissioni di CO2 e degli scarti della valorizzazione energetica per realizzare ed azzerare completamente le emissioni», come ha spiegato il sindaco Roberto Gualtieri all'assemblea capitolina; un altro per «convertire le ceneri in materiali utili a scopi quali il rifacimento delle strade». Cioè un vetrificatore, che essicca gli scarti fino a trasformarli in biglie luccicanti come il vetro, utilizzate per asfaltare le strade.

Entro luglio sarà annunciato il piano, mentre bando per la manifestazione d'interesse sarà pubblicato entro settembre da Ama, la municipalizzata del Campidoglio che si occupa dei rifiuti. L'obiettivo di Gualtieri è di inaugurare il nuovo impianto entro il Giubileo del 2025, per il quale il sindaco ha ricevuto i poteri commissariali dal Governo.

Secondo le stime dell'amministrazione comunale, il termovalorizzatore renderà possibile produrre il fabbisogno annuo di energia elettrica di 150 mila famiglie e risparmiare il gas utilizzato da 60 mila famiglie.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA