Con una App a Guidonia la nuova raccolta differenziata dei rifiuti: sparite le attese

Venerdì 3 Maggio 2019
Il ritiro dei rifiuti ingombranti a Guidonia

Ora con pochi clic sul proprio smartphone a Guidonia si può chiedere il prelievo a domicilio di un vecchio elettrodomestico o di un qualsiasi ingombrante senza attese al numero verde. Oppure, se si hanno dubbi sulla destinazione di uno scarto, in un attimo si consulta il “rifiutario” per andare a colpo sicuro. Ma si accede anche a tutte le informazioni in tempo reale sull’isola ecologica e sui calendari, si ricevono le notifiche che riguardano il servizio in maniera diretta.
Punta su una app il Comune di Guidonia per potenziare ulteriormente la raccolta differenziata, che già ha raggiunto quota 65%. Il sindaco Michel Barbet e l’assessore all’Ambiente Manuela Bergamo hanno detto sì al progetto della Tekneko, la società che gestisce l’appalto e che ha realizzato lo strumento innovativo nel segno di “una comunicazione continua” con gli utenti. Parte sulla piattaforma Android, ma presto sarà disponibile anche per Ios: «Giusto il tempo tecnico per testarlo». L’app è stata presentata ieri mattina a Palazzo Guidoni. «Un prodotto già utilizzato con successo ad Avezzano – spiega l’amministratore di Tekneko, Umberto Di Carlo – E’ la possibilità di un’interfaccia continua con gli utenti, veloce e senza ostacoli. E consente la “tracciabilità” di tutto il flusso di informazioni, cosa che garantisce il diritto del cittadino ad avere il servizio. Sarà riscontrabile se è stato erogato o invece no e, in caso negativo, il motivo».
Un esempio? Attualmente il “numero verde” è in grado di rispondere ad una sola persona per volta, per cui è facile che nel frattempo altri stiano in attesa trovando occupato. Con la App sarà possibile fare le richieste in maniera diretta e “tracciata”. «È concepito, inoltre – aggiunge Di Carlo – per essere potenziato con aggiornamenti e sviluppi in ogni momento. Non è insomma uno strumento statico. Ci saranno a disposizione anche varie lingue». Come si accede e come funziona lo ha spiegato Edoardo Addari, responsabile del progetto: «Bastano le parole chiave “Guidonia rifiuti” al play store per vederla comparire in prima posizione e scaricarla. Si accede registrandosi con i dati dell’utente e inserendo la propria mail. La struttura, poi, è volutamente semplice. C’è il “rifiutario” in cui basta inserire l’oggetto su cui si hanno dubbi per ottenere la frazione in cui va selezionato. Ma c’è anche l’ecocalendario, le info su giornate ecologiche ed ecocentro comunale con tanto di mappa, il front office».
Sul ritiro ingombranti a casa una vera rivoluzione: basterà cliccare sulla voce, inserire nell’apposita maschera l’oggetto, accedere alla fotocamera e fotografarlo, quindi dare invio. Subito dopo si riceverà una mail di conferma e si sarà contattati via telefono per accordarsi su giorno e ora del prelievo. «Da una parte – aggiunge Addari - si velocizza la pratica per l’utente, dall’altro, grazie anche alla foto, l’operatore potrà organizzare in maniera precisa i carichi in base alle richieste».

© RIPRODUZIONE RISERVATA