CORONAVIRUS

Spiagge, nel Lazio gli stabilimenti riaprono il 29 maggio, via libera ai B&B, piscine e palestre dal 25

Martedì 19 Maggio 2020 di Camilla Mozzetti
Luce verde dalla Regione Lazio: gli stabilimenti balneari così come quelli sui laghi riapriranno il 29 maggio. Parte così la stagione con l'ordinanza firmata dal governatore Nicola Zingaretti. Già dall'entrata in vigore del provvedimento possono tornare operative le strutture ricettive extralberghiere (guest house o affittacamere, ostelli per la gioventù, hostel o ostelli, case e appartamenti per vacanze, case per ferie, bed & breakfast, country house o residenze di campagna, rifugi montani, rifugi escursionistici, case del camminatore, alberghi diffusi). Ancora: autorizzata l’attività escursionistica a piedi in natura e nell’aria aperta, anche a titolo professionale, a condizione del rispetto della distanza interpersonale di due metri tra i componenti del gruppo escursionistico.

Fase 2 Lazio, dal tennis al surf: gli sport individuali ripartono all'aperto

Per quanto riguarda il mare e i laghi, invece, le attività degli stabilimenti balneari e lacuali, sulle spiagge libere e altre attività a finalità turistico ricreativo che si svolgono sul demanio marittimo e lacuale potranno riaprire il 29 maggio con il placet di tutti i Comuni del litorale, Municipio di Ostia compreso. Sempre il 29 riapriranno i parchi tematici, parchi zoologici, i lunapark così come i villaggi turistici, aree attrezzate per la sosta temporanea e saranno autorizzati i campeggi.
 
 


Roma, ristoranti e parrucchieri, dimezzate le distanze. Bar, no ai buffet in piedi

Dal 25 maggio, infine, via libera a palestre e piscine con relativa attività di somministrazione di alimenti e bevande all’interno di centri e strutture sportive, nonché dei centri ricreativi e culturali, fermo restando la sospensione degli eventi e delle competizioni sportive e la sospensione degli spettacoli aperti al pubblico in base a questo stabilito dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 17 maggio 2020. Potrà tornare a essere scolta anche l'attività corsistica individuale: dalle scuole di musica, danza, pittura, fotografia a quelle di teatro e lingue straniere.  Ultimo aggiornamento: 20 Maggio, 08:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani