Raid armato all'Aurelio, dipendenti di una sala scommesse in ostaggio: fuga con 32.000 euro in contanti

Martedì 18 Febbraio 2020 di Marco De Risi
Raid armato all'Aurelio, dipendenti di una sala scommesse in ostaggio: fuga con 32.000 euro in contanti
Una rapina rocambolesca, dal maxi bottino, in un salone di un centro scommesse all’Aurelio. Tre criminali, armati di pistole, hanno fatto irruzione, verso la mezzanotte, nei locali scommesse di circonvallazione Cornelia 112, prendendo in ostaggio i dipendenti e clienti. Momenti di terrore durante l’agire dei banditi che avevano il volto coperto da passamontagna. Il gruppo armato ha distrutto una vetrata che li divideva dai cassieri e che poi ha minacciato pistola in pugno. Un rapinatore ha tirato ad un cassiere un sacco di tela dove l’ha obbligato a riporre i soldi: oltre 32.000 euro in contanti. Poi i tre sono fuggiti con il bottino a bordo di un’auto che è risultata rubata. Sul posto sono intervenuti diversi equipaggi della polizia che hanno cercato di braccare i banditi ma che, invece, sono riusciti a fuggire. Avrebbero parlato in dialetto romanesco. Gli investigatori stanno battendo diverse piste nella mala romana per arrivare ad individuare i responsabili che potrebbero mettere a segno altri colpi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua