ATAC

Roma, aumentano le macchinette mangia-plastica nelle fermate della metro: da tre a otto

Mercoledì 19 Febbraio 2020
Virginia Raggi inserisce una bottiglietta, foto Luca Perazzolo da ufficio stampa

Le macchine mangia-plastica funzionano: in sette mesi sono state riciclate due milioni e ottocentomila bottiglie in cambio di crediti per biglietti metro e bus. Ora i trasporti di Roma diventano più green. Entro il 10 marzo diventeranno otto le stazioni metro con macchinette dove riciclare bottigliette di plastica. E per velocizzare le operazioni di conferimento verranno installate nuove macchine più capienti (da 400 pezzi a 1800 pezzi). Un progetto raccontato dalla sindaca di Roma Virginia Raggi insieme all'assessore ai Trasporti Pietro Calabrese e al presidente di Atac Paolo Simioni. Le realtà grazie alle quali è possibile l'iniziativa sono diverse: MyCicero, TabNet, TicketAppy e Coripet. Il progetto si chiama «+Ricicli +Viaggi». Le tre stazioni dove è già possibile effettuare i conferimenti delle bottiglie sono Cipro Metro A, Piramide Metro B e San Giovanni Metro C.
A queste da oggi si aggiungono Malatesta Metro C e Anagnina Metro A. Entro fine febbraio sarà possibile recarsi a riciclare anche presso le stazioni Metro B di Laurentina e Basilica San Paolo ed entro il 10 marzo si aggiungerà Termini. Raggi ha sottolineato il «grande gradimento dell'iniziativa. Roma sta facendo scuola in Italia grazie ad un'iniziativa che combina innovazione e semplicità». Per il presidente di Coripet, Corrado Dentis, «questa seconda fase dimostra che il progetto sta funzionando e che i cittadini di Roma hanno risposto con grande partecipazione». La sindaca ha testato di persona la nuova macchinetta a Malatesta inserendo qualche bottiglia, una delle quali non è entrata per via - si è capito dopo - di un pò di acqua al suo interno. Quindi attenzione a svuotare bene la bottiglia.

Un motorino, un gommone, pneumatici, un triciclo: Fare Verde trova di tutto nel ripulire le spiagge di Tarquinia

Bottiglie di plastica addio: il 66% degli italiani non le usa più

Ultimo aggiornamento: 12:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi