Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, vaccini Covid: chi sono i pazienti fragili e oncologici dimenticati

Roma, vaccini Covid: chi sono i pazienti fragili e oncologici dimenticati
di Flaminia Savelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 10 Aprile 2021, 16:51

Non rientrano nelle categorie previste dal piano regionale. Ma rientrano a tutti gli effetti tra i pazienti "fragili". Soffrono di malattie croniche come artrite reumatoide o di psoriasi. Ma nella fascia di età tra i 40 e i 60 anni. E dunque, se da una parte dovrebbero essere vaccinati con il Pfizer, durante la prenotazione sono automaticamente "esclusi" e indirizzati nei centri dove si somministra l'AstraZeneca. Dove però non vengono vaccinati.

Perchè: «Quando indicano il tipo di malattia di cui soffrono e le cure che seguono, i responsabili dei centri vaccinali in automatico li escludono se hanno a disposizione solo l'AstraZeneca in cui rinetrerebbero solo per età», spiega la dottoressa Lara Morelli della Asl Roma 1.

Vaccini, l’allarme del nutrizionista Giuseppe Fatati: «Grave ignorare gli obesi»

Una questione spinosa che si allarga a macchia di leopardo in tutti i distretti della Capitale. Ai pazienti con malattie croniche non resta altra possibilità che rivolgersi al medico di base: «Ma noi siamo in grossa difficoltà con le dosi e proprio del Pfizer - precisa la dottoressa Morelli- stiamo facendo del nostro meglio per soddisfare le richieste, ma le quantità sono ridotte». In coda non ci sono solo i pazienti fragili che non rientrano nelle categorie da selezionare nella piattaforma regionale. Ma anche i malati oncoglogici: nel Lazio era stata la Federazione degli Oncologi, Cardiologi e Ematologi (Foce) ad accelerare e a ottenere, nel programma vaccinale regionale, l’inserimento dei circa 350 mila pazienti oncologici e ematologici in trattamento.

Di questi, 15 mila sono quelli ad alto rischio e con la precedenza nelle liste. Circa la metà è stata già immunizzata. Ma secondo il piano per gli oncologici, è previsto che siano immunizzati nell’istituto dove sono in cura. Perciò ogni ospedale programma e organizza le sedute vaccinali. Non senza difficoltà: all'ospedale San Giovanni Addolorata, i 700 malati di tumore sono ancora in attesa della prima dose di Pfizer. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA