Pomezia, ladri con fiamma ossidrica distruggono l'Eurospin: negozio chiuso

Martedì 2 Febbraio 2021 di Moira Di Mario
Pomezia, ladri con fiamma ossidrica: incendio all Eurospin, negozio chiuso

Cercano di aprire la cassaforte dell’Eurospin facendola esplodere con il gas, ma qualcosa va storto e provocano un incendio che causa grossi danni al supermercato. È successo la notte tra domenica e ieri in via Naro, la strada che collega via dei Castelli Romani con la Pontina. Intorno alle 2 i soliti ignoti hanno sfondato una vetrina del negozio, sono entrati e si sono diretti a colpo sicuro nell’ufficio dove sapevano di trovare l’armadio blindato che hanno tentato di far esplodere con il gas. La cassaforte non solo non si è aperta, ma i ladri hanno innescato un rogo, alimentato dai faldoni di carta che erano nella stanza. I malviventi sono stati costretti a fuggire a mani vuote per evitare di essere avvolti dalle fiamme che si stavano propagando nel supermercato. A salvare la struttura ci hanno pensato i vigili del fuoco, arrivati in pochi minuti con tre mezzi.

Roma, tassista scende dall’auto e spara a caso. Punta a una bambina ma la pistola s'inceppa

I pompieri sono riusciti a domare l’incendio, contenendo i danni già piuttosto ingenti. Completamente annerite le pareti, danneggiato il controsoffitto, le casse, alcuni frigoriferi mentre ieri il direttore tentava la conta della merce distrutta. Sul posto anche i carabinieri di Pomezia che solo ieri mattina sono potuti entrare nel negozio per un sopralluogo a causa del fumo molto denso che ne ha impedito l’ingresso per tutta la notte. In attesa della relazione dei vigili del fuoco, i militari hanno già acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza del negozio e della zona circostante per cercare di individuare la banda. Gli investigatori sperano di ricavare qualche elemento utile alle indagini anche dal sopralluogo di ieri mattina. Il fuoco potrebbe comunque aver lasciato integra qualche traccia dei malviventi da cui poter estrarre o le impronte digitali, in caso i ladri non indossassero i guanti, oppure addirittura il Dna. Dai filmati i carabinieri auspicano di riuscire a fissare anche un piccolo dettaglio, necessario per risalire ai ladri. Da chiarire anche come i malviventi abbiano raggiunto l’Eurospin di via Naro: se a bordo di un’automobile o in sella a una moto. Diverse, invece, di fuga: verso la Pontina, in direzione del litorale, verso la Laurentina, l’Ardeatina o verso i Castelli Romani. Non è la prima volta che nella zona un tentativo di furto si trasforma in un incendio. Qualche mese fa in un altro supermercato ci fu un principio di rogo provocato dai soliti ignoti mentre cercavano di aprire la cassaforte. L’armadio blindato rimase integro con il denaro ben conservato all’interno. In quel caso, però, i danni al negozio furono di lievi entità e la struttura riaprì nel giro di pochi giorni. Anche allora i ladri furono costretti a fuggire a mani vuote per evitare di essere bloccati e arrestati dalla Polizia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA