Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

A Fiumicino sonetti di Shakespeare e Leopardi per coprire le svastiche in strada

A Fiumicino sonetti di Shakespeare e Leopardi per coprire le svastiche in strada
1 Minuto di Lettura
Martedì 28 Maggio 2019, 11:05 - Ultimo aggiornamento: 14:56

“Come posso ritrovare la mia pace se il ristoro del sonno mi è negato?...” (Shakespeare). Fiumicino si è svegliata questa mattina «invasa» da sonetti di illustri poeti. Mani ignoti, la scorsa notte, hanno affisso infatti decine di manifestini bianchi, su muri, alberi e pali di varie strade e sulla passerella pedonale sul Tevere, che riportano sonetti di Giacomo Leopardi, William Shakespeare, Sandro Penna e Giuseppe Ungaretti. Molti dei manifestini hanno coperto precedenti scritte con simboli di Forza nuova e svastiche.
 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA