A Fiumicino sonetti di Shakespeare e Leopardi per coprire le svastiche in strada

Martedì 28 Maggio 2019
1

“Come posso ritrovare la mia pace se il ristoro del sonno mi è negato?...” (Shakespeare). Fiumicino si è svegliata questa mattina «invasa» da sonetti di illustri poeti. Mani ignoti, la scorsa notte, hanno affisso infatti decine di manifestini bianchi, su muri, alberi e pali di varie strade e sulla passerella pedonale sul Tevere, che riportano sonetti di Giacomo Leopardi, William Shakespeare, Sandro Penna e Giuseppe Ungaretti. Molti dei manifestini hanno coperto precedenti scritte con simboli di Forza nuova e svastiche.
 


 

Ultimo aggiornamento: 14:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma