Roma, bancarotta fraudolenta e reati tributari: arrestato il patron di Semeraro e Ovvio, sequestrati 15 milioni

Bancarotta per il patron dei negozi di mobili per la casa Semeraro
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Dicembre 2020, 11:21 - Ultimo aggiornamento: 11:39

Bancarotta fraudolenta e reati tributari: per questo motivo è stato arrestato e posto ai domiciliari, insieme a un suo collaboratore, il patron dei negozi di mobili e arredi per la casa a marchio Semeraro e Ovvio. All'uomo sono stati sequestrati preventivamente beni per il valore di circa 15 milioni di euro. Il provvedimento eseguito dai militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Roma trae origine dalle indagini nei confronti delle numerose società del gruppo riconducibile all'imprenditore condotte, su delega della Procura della Repubblica di Velletri, in sinergia dal nucleo di polizia economico finanziaria di Roma e dalla compagnia di Velletri: è stata ricostruita la complessa vicenda societaria e commerciale della G.S.H. S.r.l. di Ariccia (Roma), con cui, nel giro di appena due anni, il dominus del gruppo ha portato in Italia la sede di un'impresa lussemburghese, nella quale sono state fuse per incorporazione 19 aziende, per poi essere dichiarata fallita, dopo il cambio di alcune denominazioni, nel 2016.

Azienda di Silvi in bancarotta, quattro arresti tra Pescara e L'Aquila

Truffa di 7,3 milioni di euro ai danni dello Stato: due arresti

Fallimenti, indagati due imprenditori: sequestrati immobili, conti e società per 1,6 milioni

L'analisi delle varie fasi dell'operazione ha reso evidente come la società fosse, in realtà, preordinata ad accorpare nella G.S.H. una serie di imprese non più profittevoli, a loro volta caricate dei debiti delle altre società rimaste all'esterno del perimetro della fusione, per poi destinarla al fallimento in quanto priva delle minime risorse necessarie ad operare nel mercato. Per questo motivo, poco prima della dichiarazione del dissesto, sono stati distratti i residui elementi attivi in favore di altri soggetti giuridici solo apparentemente di terzi, ma gestiti, tramite fidati prestanome, sempre dallo stesso imprenditore. Il risultato finale è stato quello di lasciare senza garanzia patrimoniale i creditori, composti da dipendenti, fornitori, istituti di credito, erario e Inps, per un passivo totale di oltre 52 milioni di euro. In seguito, l'imprenditore ha continuato a operare omettendo i versamenti di imposte e ritenute per circa sette milioni di euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA