Palestrina-Zagarolo, artificieri fanno brillare la bomba della seconda guerra mondiale

Sono terminate a Palestrina-Zagarolo le operazioni di messa in sicurezza e despolettamento della bomba aerea di 250 kg della seconda guerra mondiale, di fabbricazione americana, sganciata nel 1944, e trovata in un terreno da alcuni operai al confine tra i due comuni ancora intatta e carica di esplosivo. Stamattina dalle 7 sono state evacuate circa 4mila persone, la bomba disinnescata dagli specialisti dell'esercito sesto reggimento genio pionieri è stata fatta brillare in una cava in totale sicurezza a Carchitti (Palestrina) e le persone evacuate ora potranno tornare nelle loro case.

Le operazioni sono state coordinate sul posto dal vice prefetto Nicola Di Matteo, della prefettura di Roma, insieme con la polizia di stato di Frascati, i carabinieri della zona, la protezione civile e la polizia locale. Presenti anche la croce rossa ed altre associazioni di volontariato che hanno dato ausilio all'esercito e alle forze dell'ordine per dare ospitalità nelle tensostrutture istituite nei palazzetti dello sport di Palestrina e Zagarolo, mentre il centro operativo è stato istituito presso la sede della protezione civile di Palestrina.
 


(Foto Luciano Sciurba)

ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri