Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, palazzo occupato a viale delle Province: gli abusivi blindano il contatore

Roma, palazzo occupato a via delle Province: contatore blindato, in mano agli abusivi
di Marco Pasqua
3 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Maggio 2019, 09:13 - Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 09:34

Se a Spin Time Labs l'elemosiniere del Papa è riuscito, forse con l'aiuto di qualche complice, a ripristinare la corrente, staccata per morosità, nell'occupazione di viale delle Province non si corre alcun rischio, in tal senso. Qui, infatti, il contatore è stato letteralmente blindato dagli abusivi, proprio per evitare che la società elettrica potesse interrompere la fornitura.

Il particolare è emerso nei giorni scorsi, dopo che la bolognese Hera, titolare del contratto, ha chiesto al distributore Areti di staccare la luce agli inquilini circa 500 che dal dicembre del 2012 occupano abusivamente l'ex sede Inpdai. Ma quando i tecnici hanno raggiunto l'area del contatore, si sono resi conto che gli abusivi guidati dai Blocchi Precari Metropolitani (Bpm) lo avevano di fatto blindato, con catene e lucchetti. Due i tentativi dei tecnici andati a vuoto. Per questo motivo, Areti secondo quanto si apprende sporgerà ora una denuncia alla Procura della Repubblica.
 



Lo stabile, occupato nel dicembre del 2012, è di proprietà del Fondo Immobili Pubblici, gestito dalla Investire Sgr (la stessa di Spin Time Labs, all'Esquilino). Quando viene occupato, durante il cosiddetto Tsunami Tour dei movimenti di lotta per la casa, era già stato firmato un preliminare per la vendita, del valore di circa 25 milioni di euro.

L'obiettivo era quello di riqualificare la palazzina di 8 piani e uno interrato 12mila metri quadrati totali realizzandovi alloggi privati. Piano naufragato, con la proprietà che, ogni anno, è costretta a versa oltre 130mila euro per Imu e Tasi. E che, nei mesi scorsi, ha anche ricevuto una diffida dai vigili urbani, relativa allo stato di pericolosità dell'edificio, che sarebbe a rischio crollo. Ora l'altra beffa, per la Hera. L'azienda, aveva spiegato nelle settimane passate, «è risultata aggiudicataria della gara pubblica per il servizio di salvaguardia elettrica nella regione Lazio. Tale servizio permette ai clienti che si trovano senza un fornitore di energia elettrica a mercato libero di continuare a ricevere la fornitura, purché regolari nel pagamento delle bollette. Anche lo stabile in questione rientra tra i clienti del servizio di salvaguardia». La morosità, come nel caso di Spin Time, è notevole, visti i 7 anni di mancati pagamenti.

In via di Santa Croce in Gerusalemme, intanto, gli occupanti hanno annunciato che la discoteca abusiva riaprirà il 31 maggio, dopo i lavori per l'insonorizzazione, con il famigerato Rave Amen. Sempre che la Questura non decida di far partire la stretta sui locali abusivi, anche all'interno dei centri sociali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA