Ostia dice basta alle fiction violente. Il Municipio: «Nostra immagine compromessa»

Giovedì 14 Febbraio 2019
Un set in riva al mare per la serie
Stop alle riprese di fiction violente a Ostia. Film e serie da Netflix come Suburra e Romanzo Criminale sul litorale romano non sono più graditi. A chiedere di bloccare autorizzazioni e nulla osta è un ordine del giorno presentato ieri in Municipio e che sarà discusso nella prossima riunione dell’aula “Massimo Di Somma”. «L’immagine di Ostia è stata notevolmente compromessa - si legge nel documento che vede come firmatario Pierfrancesco Marchesi, consigliere FdI in X - a causa di atti criminosi perpetrati negli ultimi anni sul nostro territorio e numerose fiction hanno messo in risalto e pubblicizzato storie criminali, esaltando in modo esagerato l’aspetto negativo di questo territorio».

«È necessario - aggiunge Marchesi - rilanciare l’immagine del X Municipio anche attraverso l’esaltazione mediatica delle bellezze storico-culturali presenti ed è per questo che chiediamo al presidente del X Municipio di intervenire presso il Campidoglio e la sindaca Raggi al fine di bloccare fiction e set violenti che mettono a rischio l’immagine di Ostia».
Il riferimento è alle serie che spopolano tra i più giovani. E tornate agli onori delle cronache dopo i colpi di pistola all’Axa, dove è rimasto ferito Manuel Bortuzzo, 19enne promessa del nuoto. Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i responsabili dell’agguato che si sono costituiti alla Squadra Mobile, si sentivano davvero i protagonisti di un “Romanzo criminale”. «Fiction del genere - conclude Marchesi - potrebbero rappresentare una fonte di ispirazione e di emulazione nei modi e nel linguaggio. E poi Ostia e tutto il X Municipio non meritano di essere rappresentate soltanto in questo modo». La narrazione del litorale visto come la «sub-urbe» non è mai piaciuta ai residenti che già la scorsa estate inviarono una diffida alla Rai a non trasmettere la serie di Netflix “Suburra”. Sullo sfondo il mare di Roma, dove la mala - tra fiction e realtà - si spartisce il traffico di droga e il territorio. Dove gli Spada ci sono davvero e non sono così lontani dagli «zingari» della serie tv. «Se pijamo tutta Ostia e la famo diventà Las Vegas, Aurelià», dicono i criminali delle fiction, alludendo a “waterfront” e alle inchieste legate a “Mondo di Mezzo” che ha travolto il X Municipio. Ma Ostia è anche tanto altro.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma