Ostia, la Guardia di Finanza ricorda Leonardo Sciascia a trent'anni dalla morte

Giovedì 7 Novembre 2019 di di Moira Di Mario
Ostia rende omaggio a Leonardo Sciascia a 30 anni dalla sua morte (20 novembre 1989). A farlo sono stati ieri mattina gli allievi della scuola di Polizia economico finanziaria della Guardia di finanza e dell’Accademia della Guardia di Finanza di Castelporziano. Durante il seminario, promosso dalla Fondazione De Sanctis nell’aula magna dell’Istituto, sono state illustrate la figura e le opere dello scrittore, in particolare il libro forse più conosciuto “Il giorno della civetta”, il romanzo scritto nel 1960 e pubblicato l’anno successivo quando ancora in Italia veniva negata l’esistenza di Cosa Nostra nonostante l’esistenza di documenti che ne dimostravano la presenza. Il racconto prende ispirazione dall’omicidio di Accurso Miraglia, il sindacalista comunista trucidato dalla mafia subito dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Sciascia, considerato una delle grandi figure del Novecento italiano ed europeo, è stato una delle voci più critiche dell’Italia e della sua Sicilia in particolare. Quasi 60 anni fa Sciascia aveva già capito come Cosa Nostra non fosse un fenomeno concentrato e circoscritto alla Sicilia, ma si fosse espanso in tutta la Penisola. Lo aveva scritto proprio nel “Il giorno della civetta”: «Forse tutta l’Italia va diventando Sicilia… E sale come l’ago di mercurio di un termometro, questa linea della palma, del caffè forte, degli scandali: su su per l’Italia, ed è già, oltre Roma…». Parole che, negli anni, si sono rivelate reali. Tante le inchieste che hanno dimostrato come la mafia si sia infiltrata e insinuata nell’economia, tra le istituzioni e come sia diventata anche un metodo di comportamento tra i gruppi criminali che nulla hanno a che vedere con i clan organizzati riconducibili a Cosa Nostra o alla Ndrangheta.

È il cosiddetto metodo mafioso che ha colpito anche ad Ostia. All’incontro di ieri, che fa parte dell’iniziativa “Capolavori della letteratura europea”, hanno partecipato il comandante della scuola, il generale Stefano Screpanti, Francesco De Sanctis e Gianni Letta, presidente e presidente del Comitato d’Onore della Fondazione, l’ispettore per gli Istituti di istruzione della Guardia di Finanza, il generale Carlo Ricozzi, oltre a rappresentanti delle fiamme gialle in forza ai comandi di Roma e Ostia.

A illustrare le opere di Sciascia ci ha pensato Salvatore Nigro, mentre il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, Francesco Lo Voi, ha parlato di “Il fenomeno mafioso in Sicilia: attuali scenari e impatto economico-sociale”. L’evento è stato chiuso da Laura Morante che ha letto e interpretato alcuni brani tratti dal capolavoro di Sciascia.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA