Ostia, tenta il furto nel locale ma finisce per ubriacarsi: arrestato mentre dorme

Il colpo in un ristorante sul lungomare: ladro tradito dalla passione per il vino. Condannato per furto aggravato

Ostia, tenta il furto nel locale ma finisce per ubriacarsi: arrestato mentre dorme
di Moira Di Mario
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Novembre 2021, 22:31 - Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 14:33

Lo hanno trovato ancora ubriaco e mezzo addormentato nel ristorante dove era entrato durante la notte per rubare. Durante il furto, però, si è distratto dando fondo alle bottiglie di alcolici. È così che è terminata, almeno per il momento, la carriera di ladro per il cittadino tunisino di 38 anni arrestato dai carabinieri della stazione di Ostia per furto aggravato in concorso. Il nordafricano insieme a un complice hanno aspettato che il locale in lungomare Paolo Toscanelli chiudesse per svaligiarlo. Sono entrati e dopo aver messo a soqquadro il ristorante, hanno scelto meticolosamente la merce da portare via: liquori, vini pregiati, un forno a microonde e attrezzatura da cucina per un valore di diverse migliaia di euro. Mentre il complice usciva dal locale con la prima parte di refurtiva, il 38enne continuava a scegliere e ad accatastare altra merce da rubare. Terminata la perlustrazione nel ristorante, è passato al magazzino ed è stato lì che ha visto una lunga fila di bottiglie di alcolici particolarmente invitanti.

Ostia, dopo la fase di maltempo ripresi i lavori di riqualificazione del litorale

SUL PAVIMENTO
Deve aver pensato che in fondo aveva ancora tempo e ne avrebbe anche potuti assaggiare un paio, ma si è fatto evidentemente prendere la mano e ha aperto numerose confezioni. Invece di preparale per la seconda refurtiva, si è attaccato alle bottiglie bevendo litri di alcolici, ubriacandosi e addormentandosi sul pavimento del magazzino. Il complice ha cercato più volte di svegliarlo, ma tutti i tentativi sono andati a vuoto: era in catalessi. Inutile rimanere nel locale e aspettare il suo risveglio con il rischio di essere scoperto. Così il complice ha scassinato una finestra ed è fuggito facendo perdere le sue tracce. Ieri mattina il titolare del ristorante ha aperto il locale, trovando la brutta sorpresa: sedie e tavoli sottosopra, la cucina a soqquadro e il nordafricano che dormiva beato nel magazzino. Ha chiesto l’intervento dei carabinieri. Quando i militari sono arrivati il ladro si stava riprendendo dalla sbornia e avrebbe voluto allontanarsi, sebbene ancora incerto sulle gambe.

I militari lo hanno bloccato e fatto sedere mentre acquisivano i filmati delle telecamere di video sorveglianza interne. Le immagini hanno consentito di ricostruire l’intera vicenda, compresa la fuga del complice e la nottata brava del ladro. Per il tunisino, con alle spalle già qualche guaio con la giustizia, sono scattate le manette per furto aggravato in concorso. Il Tribunale di Roma ha convalidato l’arresto e dopo il processo per direttissima lo ha condannato a un anno e quattro mesi di reclusione. Le indagini proseguono per cercare di identificare il complice. Le registrazioni delle telecamere di video sorveglianza sono ancora al vaglio degli investigatori che stanno analizzando minuziosamente frame dopo frame per incastrare anche l’altro ladro e capire poi dove possa essere stata nascosta la refurtiva, ammesso che non sia stata già venduta illegalmente.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA