Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ospedali, riaprono le sale operatorie anche in day hospital

Ospedali, riaprono le sale operatorie anche in day hospital
di Camilla Mozzetti
3 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Maggio 2021, 00:36

C’è un altro aspetto - oltre alla riduzione dei contagi - che dimostra come la pandemia del Covid abbia intrapreso la strada della discesa: da fine maggio gli ospedali tornano nella fascia di rischio 2 e ciò significa che ripartono gli interventi di chirurgia programmata. Si tratta di quelle operazioni che da marzo erano state sospese, rimandate o trasferite nelle strutture private convenzionate per far posto negli ospedali alle urgenze lasciando però sufficiente spazio per l’occupazione di letti e reparti ai malati Covid. Ma i ricoveri per chi ha contratto il virus stanno gradualmente diminuendo tant’è che al Policlinico Umberto I, ad esempio, su oltre 230 posti letto riservati all’emergenza a ieri ne erano occupati 140 compresi quelli di Terapia intensiva. Proprio qui dalla prossima settimana «Siamo pronti a riaprire un blocco operatorio - spiega Francesco Pugliese, direttore del Dea - con 4 sale chirurgiche». 

Covid Lazio, bollettino oggi 16 maggio: 557 contagi (-44), 322 a Roma (+54). I dati più bassi degli ultimi 7 mesi. Zero morti nelle province


GLI INTERVENTI
Che saranno quasi certamente destinate alla ripresa degli interventi meno urgenti o di classe C, quelli cioè che - dal trattamento di patologie benigni a interventi di colicisti e operazioni anche in day-hospital - possono essere svolti anche dopo 30 giorni e che da marzo erano di fatto scomparsi. Naturalmente c’è un fattore che non può essere omesso ed è quello sul pregresso irrecuperabile. «Ben venga la ripartenza della chirurgia programmata - commenta Filippo La Torre, ordinario di Chirurgia generale all’università Sapienza di Roma, direttore dell’Uoc di Chirurgia d’urgenza del Policlinico Umberto I nonché past-president e attuale membro del direttivo del Collegio nazionale dei Chirurghi - speriamo che a valle la situazione comporti una ripresa più veloce delle attività ad oggi trascurate per necessità ma avremo una quota importante di interventi che non potranno essere recuperati in primis nel comparto oncologico».


LO SCENARIO
In sostanza, inizia una ripresa ma sul nuovo su chi cioè dovrà operarsi con l’incognita invece per chi ha atteso fino ad oggi e magari si troverà nelle condizione di non poter più essere trattato o di essere operato d’urgenza.
La ripresa ancora non sarà al 100% perché comunque gli ospedali dovranno continuare a riservare posti e spazio per i reparti Covid. Teoricamente per cercare di recuperare in parte il pregresso non occupandosi solo dei nuovi interventi di chirurgia programmata servirebbero nel Lazio all’incirca mille chirurghi sui mille oggi presenti, la capacità di operare non solo su turni di 12 ore ma anche di 24 ore, e avere la certezza di strutture disponibili allo scopo. Solo a metà aprile dalla struttura regionale era stato confermato, tramite una circolare inviata ai vertici delle aziende ospedaliere, il mantenimento della fascia in rischio 4, ovvero il livello più elevato dell’emergenza. «Il problema è complesso - conclude il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi - bene la ripartenza delle sale operatorie ma è necessario riprogrammare tutta la rete a partire dalla disponibilità degli anestesisti impegnati tuttora nei reparti Covid». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA