Occupazione del Virgilio, ecco il bilancio dei danni: «Cinquantamila euro»

Sabato 19 Gennaio 2019 di Marco Pasqua
2

Vetri rotti, due telecamere danneggiate, 20 banchi e 25 sedie da sostituire, allarme anti-incendio sabotato, allarme anti-intrusione da ripristinare, porte anti-incendio da riparare. E’ lungo l’elenco ufficiale, pubblicato dalla presidenza del Liceo Virgilio, dopo l’occupazione dell’istituto di via Giulia, a novembre.

Le spese in carico alla scuola, per i danni “firmati” dagli studenti che hanno preso parte alle giornate di “svago” senza lezioni, ammontano a circa seimila euro: costi necessari per le pulizie, per sostituire i lucchetti e le serrature, oltre agli arredi deliberatamente vandalizzati durante l’occupazione. Ma i lavori più costosi sono quelli a carico della Città Metropolitana, ovvero della collettività: dagli allarmi disabilitati ai banchi e alle sedie divelte. Alcuni interventi sono stati portati a termine, altri (come quelli per cambiare le porte anti-incendio o le telecamere, ma anche il water distrutto) devono ancora essere ultimati.

«Il costo presunto di tutti questi lavori è fra i 30 e i 40mila euro», dice Maria Teresa Zotta, presidente XI Commissione Capitolina Scuola e Delegata edilizia scolastica e personale Città Metropolitana, a cui è sempre toccato il gravoso compito di reperire fondi per le disastrate scuole della Città (e di rimediare ai danni delle occupazioni). «E’ l’ennesima dimostrazione che le occupazioni oltre a non determinare nessun cambiamento arrecano danni alle scuole, che qualcuno dovrà rifondere», dice Mario Rusconi, presidente dell’Associazione nazionale presidi del Lazio. 

Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio, 14:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA