Roma, notte bianca della cultura nei licei: la campanella suona (di sera)

Sabato 12 Gennaio 2019 di di Roberta Marchetti

Ieri per 19 licei di Roma la campanella è suonata di notte. Spettacoli teatrali, concerti, cineforum, reading, esposizioni e dibattiti hanno animato fino a tarda serata gli istituti di diverse zone della Capitale in occasione della Notte Nazionale del Liceo Classico, manifestazione nata cinque anni fa dall’idea di Rocco Schembra, docente di latino e greco di un liceo di Acireale, con lo scopo di promuovere il valore della cultura umanistica, spesso sempre più marginale - purtroppo - in questa società 2.0. Se nell’era della robotica e dei social network, però, Aristofane e Ovidio fanno ancora la loro bella figura un motivo ci sarà ed è proprio questo l’obiettivo dell’iniziativa (sostenuta dal Miur), aprire le porte delle scuole per mostrare l’innata modernità delle materie antiche.
 

 

Un evento su scala nazionale - con 433 licei classici che hanno partecipato in tutta Italia - e dal respiro internazionale grazie alla collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Atene che ha coinvolto anche diversi licei della Grecia, la culla della civiltà occidentale. Tra i primi ad aderire a Roma il Liceo Giulio Cesare - storico istituto del quartiere Trieste - che ha visto una grande partecipazione degli studenti e anche degli ex allievi, felici di tornare nella loro scuola, stavolta, alcuni di loro, in cattedra invece che tra i banchi per laboratori e seminari.
«Si vuole rendere chiaro al pubblico quanto la cultura classica è sempre molto attuale - spiega la dirigente scolastica Paola Senesi - Suggerisce tutte quelle domande fondanti nello sviluppo delle persone e consente di unire tanti aspetti della vita di oggi». A spiegare alcuni dei più grandi classici, sempre al Giulio Cesare, gli scrittori Edoardo Albinati, Paolo Di Paolo e il noto volto Rai Stefano Coletta. Una notte bianca della cultura, ma anche del talento e delle tante passioni che i ragazzi coltivano a scuola e che ieri sera hanno avuto la possibilità di mettere in scena, dal teatro alla musica. Non solo didattica - seppur alternativa - ma un bel momento di condivisione. «E’ un’iniziativa in cui mettiamo il cuore - assicura Daniele Nappo, uno dei rappresentanti di istituto del Liceo Luciano Manara, a Monteverde, che ha aderito a questa manifestazione fin dal primo anno - Partecipiamo tutti. C’è chi fa il servizio sicurezza, chi porta in scena progetti, chi prepara da mangiare, tutti siamo impegnati». Luci accese e aule piene fino a mezzanotte anche nel Liceo Aristofane, al Dante, all’Orazio e al De Sanctis. Nel quadrante est ecco il Benedetto da Norcia, nel quartiere Centocelle, il Liceo Kant e il Russel, in via Tuscolana. Presenti all’appello anche il Lucrezio, l’Anco Marzio, Mameli, Vivona, Tacito, Plauto, l’Albertelli e l’Istituto S. Orsola. Così i liceali romani hanno fatto le ore piccole.
 

Ultimo aggiornamento: 10:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma