Vaccini, dosi ai medici non vaccinati: minacce dei sanitari no vax

Vaccini, dosi ai medici non vaccinati: minacce dei sanitari no vax
di Camilla Mozzetti e Francesco Pacifico
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 7 Aprile 2021, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 19:53

Non è più una questione di scelta e il comparto dei no-vax, che pure dilaga in ambito sanitario, dovrà farsene una ragione perché è una questione di salute pubblica e difesa dei cittadini. Di più: vaccinarsi per chi esercita la professione in ambito sanitario - medici, infermieri, farmacisti come i dipendenti degli studi - sarà un obbligo per poter lavorare. Lo impone il decreto legge 44 già pubblicato in Gazzetta.

Vaccino, i sanitari no-vax ci ripensano: le dosi per salvare la paga. Chi non si immunizza sarà sospeso


IL DECRETO
«In considerazione della situazione di emergenza epidemiologica da Sars-Cov2 al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell'erogazione delle prestazioni di cura e assistenza», tutti i soggetti del settore «sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell'infezione». Chi non lo fa, sarà sospeso. E nel Lazio già da ieri, al termine delle vacanze pasquali, gli ordini professionali della categoria hanno iniziato a inviare alla Regione tutti gli elenchi degli iscritti per procedere con la verifica delle persone già vaccinate e conteggiare chi ancora - anche per immotivate scelte ideologiche - si è astenuto. E non sono pochi coloro i quali hanno finora disertato la vaccinazione pur operando in contesti delicati e fragili come cliniche, case di riposo, Rsa, ospedali. Ma la legge, da sola, non basta a frenare le isterie e le più pericolose posizioni ideologiche che hanno solo l'effetto di mettere a rischio la salute pubblica: ieri alcuni cittadini, su spinta di medici no vax, hanno riempito gli ordini sanitari con centinaia diffide dall'inviare alla Regione gli elenchi con gli iscritti. Minacciano denunce e brandiscono i rischi di forte sanzioni per gli enti ordinistici. Per la cronaca, nessuna di queste leve ha fondamento giuridico, come inconsistenti sono le loro conoscenze scientifiche.

Covid Roma, morti 2 anziani in casa di riposo: contagiati dagli infermieri no-vax

Vaccini, a Roma 3 medici no vax. Il presidente dell'ordine: «Dubbi sullo scudo penale»

«Stiamo inviando tutti gli elenchi - spiega Antonio Magi presidente dell'Ordine dei Medici di Roma e provincia - i nostri iscritti sono 46 mila, di questi 13 mila sono liberi professionisti e se per questi ultimi ancora 4 mila devono essere vaccinati il problema è su infermieri e psicologi ad esempio». Dei primi all'inizio della campagna appena 400 avevano dato l'adesione alla vaccinazione e a Fiano dove in un ospizio sono morti due anziani di 87 e 95 anni è scattata un'inchiesta della Procura per via degli infermieri no-vax.

 

«In tutta la Regione - conteggia l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato - ci sono 7-8 mila professionisti sanitari che non si sono vaccinati, per quanto ci riguarda attiveremo un canale di prenotazione sul sito regionale analogamente a quanto fatto per i docenti. Per non incorrere in sanzioni basterà dimostrare di aver fatto la prenotazione, gli elenchi saranno comunque trasmessi al Nas per le verifiche».

No vax, ora è allarme sostituzioni tra i sanitari: mancano infermieri e rianimatori

© RIPRODUZIONE RISERVATA