Scioperi, cortei e G20 (il 30 ottobre): Roma ora teme l'escalation

Dopo la guerriglia di ieri l'allarme è alto per evitare nuovi disordini in una settimana cruciale

Scontro no Green pass a Roma, si teme escalation nella settimana dello sciopero e del G20
di Mario Ajello
4 Minuti di Lettura
Domenica 10 Ottobre 2021, 09:20 - Ultimo aggiornamento: 15:23

La guerriglia di ieri No Green Pass con le devastazioni e il terrore si inserisce in una fase delicatissima per la vita dei romani in questi giorni. Con una settimana da brivido che sta cominciando all’insegna della paura tra scioperi ed eventi che rischiano di mettere a dura prova la città. Viminale allarmatissimo, forze di polizia di ogni ordine e grado mobilitate perché non si ripeta neanche lontanamente ciò che è appena accaduto con la manifestazione dei violenti di ieri pomeriggio.

No Green pass, scontri violenti a Roma. Devastata la sede Cgil, la polizia carica i vandali con gli idranti

No Green pass Roma: sottovalutato il rischio, flop della linea morbida. Pochi agenti a Piazza del Popolo

Lo sciopero dell'11 ottobre

Il primo appuntamento a rischio: lo sciopero da domattina per 24 ore di tutti i settori pubblici e privati, proclamato dai sindacati di base in tutta Italia. L’agitazione riguarderà la scuola, gli uffici pubblici e i trasporti. E a Roma si svolgerà il corteo più grande che partirà da Piazza della Repubblica. Previste decine di migliaia di persone, pronti i contingenti di polizia e carabinieri, alto il pericolo di infiltrati violenti. Anche perché non c’è il servizio d’ordine della Cgil visto che gli organizzatori del corteo sono Cobas, Cub trasporti, Usb Lavoro Privato, Orsa, Sgb. Rischio ordine pubblico ma anche rischio mobilità. Infatti la protesta interesserà bus (incluse le linee periferiche della società Roma Tpl), tram, metropolitane e ferrovie in concessione gestite dall’Atac. Si prevede per il settore scolastico la manifestazione intorno al ministero dell’Istruzione a Trastevere e quel quadrante della Capitale sarà è uno dei più attenzionati dalle forze dell’ordine.

L'ondata delle agitazioni potrebbe diventare virale

Ma è un po’ dappertutto che Roma sarà a rischio perché l’ondata delle agitazioni è considerata “virale” dagli esperti di sicurezza, cioè diffusa è capace di raccogliere ogni tipo di protesta e di gruppo organizzato. Questo a causa dell’ampio spettro delle varie rivendicazioni di piazza che da domani si incroceranno. Contro lo sblocco dei licenziamenti e il rilancio dei salari. Per la garanzia del reddito attraverso un salario medio garantito. Contrasto alla precarietà e allo sfruttamento, abrogazione del Jobs Act, superamento degli appalti e del dumping contrattuale e forte contrasto all’utilizzo indiscriminato dei contratti precari. E via cosi. Ma è l’intera settimana a rischio.

 

Il G20 alla Nuvola

Sabato 30 ci saranno a Roma alla Nuvola i grandi capi di Stato mondiali, per il G20 a presidenza italiana e il set sarà la Nuvola dell’Eur e si temono manifestazioni di protesta preparatorie già nei prossimi giorni. Roma può diventare teatro di disordini modello vecchie battaglie no global e c’è da controllare il possibile arrivo di antagonisti dalla Francia e da altri Paesi. Intanto, mercoledì, il 13 ottobre, dalle 9 alle 13, a piazza Santi Apostoli, ci sarà la manifestazione sindacale per i lavoratori del trasporto aereo. E anche qui: timori per la mobilità intrecciati alla massima attenzione per l’ordine pubblico. Ad aggravare la possibile tensione in questa settimana da brivido c’è anche la circostanza che il 15 ottobre diventa operativo il Green Pass per le aziende e, a giudicare anche dai tafferugli di ieri, il tema è incandescente e si temono proteste volanti, manifestazioni non organizzate e spontanee: le più difficili da controllare.

Video

Questa moltitudine di eventi e di timori, capaci di stressare Roma, ma tocchiamo ferro, si inseriscono oltretutto nella fase finale della campagna elettorale per il Campidoglio. In cui sono previsti gli appuntamenti cruciali. Quello a sostegno di Gualtieri venerdì sera a piazza San Giovanni di annuncia particolarmente numeroso. Ma in generale oltre alle mobilitazioni sindacali Roma sta per essere teatro di adunate di ogni tipo. E spera di superare il tutto in tranquillità. Ma la vicenda del peggior sabato sera - ieri sera - di Roma degli ultimi anni consiglia di stare attenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA