Napoli, blitz antiterrorismo: 19 indagati, anche l'algerino che coprì Anis Amri, autore della strage di Berlino del 2016

Venerdì 15 Maggio 2020

Otto persone agli arresti, venti perquisizioni e diciannove indagati, due locali sequestrati: è questo il bilancio dell'operazione 'Mosaico 2' che la Sezione Antiterrorismo della Digos della Questura di Roma, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, ha eseguito all'alba di oggi con il supporto operativo delle Digos di Napoli, Caserta e Benevento, nonché del Reparto Prevenzione Crimine e dei Gabinetti della Polizia Scientifica per il Lazio, nonché per la Campania e Molise. Sono 19 complessivamente le persone coinvolte, tra i quali 12 cittadini italiani e 7 di nazionalità straniera, attestati nelle province di Napoli, Benevento e Caserta ed indagati nell'ambito di un procedimento penale coordinato dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo della Procura della Repubblica di Napoli. L'indagine, nella cui cornice sono stati contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata alla produzione, al riciclaggio e al traffico di documenti di identità contraffatti, nonché al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina strumentale al circuito del terrorismo internazionale, è stata avviata nel luglio 2019, all'esito della conclusione della indagine Mosaico, che aveva consentito di ricostruire e disarticolare la rete relazionale in Italia riconducibile ad Anis Amri, autore della strage di Berlino nel 2016, nonché smantellare una cellula ispirata al fondamentalismo islamico rispetto alla quale erano stati riscontrate progettualità avanzate di attività controindicate sul territorio nazionale.

L'uomo è risultato in contatto diretto sia con la stamperia che con il centro di spedizioni, nell'aprile scorso è stato arrestato in occasione di un controllo nel capoluogo campano, in quanto già destinatario di Mandato di Arresto Europeo emesso dalle Autorità francesi per associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di banconote contraffatte. Nel corso delle indagini le spedizioni destinate all'estero sono state oggetto di mirati e sistematici controlli presso i corrieri internazionali inconsapevolmente utilizzati come vettori, ed hanno consentito di riscontrare impronte papillari di numerosi indagati sui documenti confezionati. Al fine di ancor meglio delineare il potenziale criminoso e criminogeno dei due contesti delittuosi cristallizzati, la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione -Ucigos, con il Servizio per il contrasto dell'estremismo e terrorismo esterno, avvalendosi della collaborazione dell'Ectc (European Counter Terrorism Center) ha dato impulso all'attivazione dei canali di cooperazione di polizia Europol, al fine di procedere alla esecuzione di perquisizioni all'estero.

Ultimo aggiornamento: 17:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA