ROMA

Roma, incubo scale mobili: ancora 65 impianti rotti dal Centro alla Magliana

Venerdì 13 Settembre 2019 di Laura Bogliolo

La lezione della stazione Repubblica non è servita a molto. Le scale mobili delle linee A e B della metropolitana continuano a restare bloccate insieme ad ascensori e montascale. Più di 60 i sistemi fermi o guasti (65, per la precisione) ieri tra le stazioni che ogni giorno vengono affollate da migliaia di viaggiatori. Ma soprattutto, l'impressione di rischiare ogni volta che si sale su un tapis roulant non può essere più considerata semplicemente come frutto dell'ansia dei romani.

Metro Roma, lo scandalo delle scale mobili. I sensori erano disattivati: «L’incidente si poteva evitare»

L'incidente sulle scale mobili: il funzionario onesto rimosso perché aveva chiuso Spagna

RISCHI REALI
Il gip di Roma Massimo Di Lauro nell'ordinanza a carico delle quattro persone raggiunte da misura interdittiva nell'inchiesta sull'incidente del 23 ottobre in cui rimasero feriti gravemente tifosi del Cska scrive chiaramente che «nonostante i gravi incidenti presso le stazioni di Repubblica e Barberini, appare tuttavia evidente, dall'ascolto delle numerose conversazioni, che permane il preoccupante stato di pericolo per l'incolumità pubblica e nello specifico dei fruitori della metropolitana di Roma». Qualche esempio? Dopo mesi di lavori, a fine agosto due scale mobili della stazione Spagna, avevano ripreso finalmente a funzionare, ma dopo qualche giorno c'è stato un nuovo stop. E ancora: dopo otto mesi di manutenzione, ha riaperto la stazione Repubblica, ma nella prima settimana di settembre si è registrato subito un guasto a una scala mobile durato qualche ora. Mentre Barberini è ancora chiusa, non c'è da stare tranquilli se si pensa che a causare l'incidente alle scale mobili accartocciate a Repubblica secondo gli inquirenti è stata la manomissione del freno di emergenza e la mancata manutenzione, cause che hanno portato a indagare 15 persone, tra cui 3 dipendenti Atac e uno di Metroroma s.c.a.r.l..
 

PAURA E DISAGI
Intanto il bilancio dei sistemi funzionanti è ancora nerissimo. Al rientro dalle vacanze, nonostante l'interruzione del servizio su diverse tratte per lavori di manutenzione straordinaria sui deviatoi, la situazione non è affatto migliorata sulle linee A e B. Niente ascensori, né montascale nelle stazioni di Cipro e Valle Aurelia. «Gli impianti - si legge da tempo ormai sul sito dell'Atac - sono stati chiusi per svolgere la revisione generale nei termini previsti dal Decreto M 23 del 2 gennaio 1985 e verranno riattivati prima possibile. Ci scusiamo per il disagio».

RAMPE DISATTIVATE
Anche nella centralissima fermata di Flaminio, si registra da lunghissimo tempo l'indisponibilità delle scale mobili. L'elenco pubblicato sul sito dell'Atac è pieno zeppo di indicazioni, anche se in realtà spesso non tutti i disagi vengono segnalati. Tempo fa la scala mobile in discesa di Manzoni era bloccata, ma non figurava sulla pagina online della partecipata. Così come un altro impianto alla stazione centrale di Termini, quella che collegava la linea A con la B in direzione Rebibbia. Ieri erano ancora fuori uso le scale mobili della stazione Cornelia in entrata e in uscita all'ultimo livello, lato circonvallazione Aurelia. E anche i dubbi dei romani sulla mancata manutenzione ormai non posso più essere considerati come frutto della fantasia. Lo certifica l'inchiesta sulla «vicenda riprovevole», come la definisce il gip Di Lauro.

I GUASTI
La linea A, in particolare, è funestata da montascale fuori servizio. Risultano bloccati nelle stazioni di Cinecittà, Numidio Quadrato, Colli Albani, Spagna, Lepanto e Ottaviano. Fermi anche gli ascensori a Spagna e Ponte Lungo. Non migliora la situazione lungo le 26 stazioni della linea B. Sono dieci le fermate che presentano disagi e «menomazioni» al servizio. Le scale mobili sono ancora ferme a Tiburtina (in uscita), a Piramide (nella banchina direzione Rebibbia-Ionio), a Magliana (tra la banchina Roma-Lido direzione Piramide, e in quella verso Rebibbia/Ionio) e a Laurentina. Strage anche di ascensori nella trafficata stazione di Policlinico presa d'assalto anche da migliaia di studenti della Sapienza, a Monti Tiburtini, Marconi, Eur Fermi Eur Palasport. Nessuna speranza, poi di rivedere funzionare i montascale a Cavour.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma