Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Metro B Libia, stazione resta chiusa: manutenzione in ritardo. Disagi sulla linea

Dal 25 maggio la fermata della metropolitana è interdetta ai passeggeri

Roma, disagi metro B: stazione Libia resta chiusa. Manutenzione in ritardo
di Fernando Magliaro
4 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 00:03

Riapre. Forse sì, forse no. Il 4, no, forse l’11 giugno. La certezza è una sola, che con Atac, certezze non ce ne sono. Nel caso specifico si parla della stazione della metro B1, Libia. Dopo Cornelia che sta 40 metri sotto il piano della strada, Libia, con 36 metri, è la seconda stazione per profondità della rete metropolitana di Roma ed è servita da 26 scale mobili che superano dislivelli da 4,83 metri, fino a 5 metri e 64. 

Roma, incidente treno Frecciarossa: ultima carrozza fuori dai binari. Nessun ferito, traffico ferroviario in tilt per ore

Il tweet

Il 25 maggio scorso, all’alba, è arrivato il solito tweet di @infoatac, l’account ufficiale con cui l’azienda aggiorna in tempo reale i passeggeri. Alle 5.29 di quella mattina Atac parlò di «guasto tecnico» con la stazione che conseguentemente sarebbe rimasta chiusa al servizio viaggiatori. Una prassi abituale e consolidata: annunci come questo rappresentano ormai la quotidianità per la metropolitana romana. Poche ore dopo, alle 10.32, cambia la versione con un aggiornamento: «Stiamo svolgendo lavorazioni sulle scale mobili e la stazione Libia è chiusa». Da allora, tutti i giorni, questo annuncio è stato ripetuto. Salvo il 2 giugno scorso quando Atac, rispondendo al quesito di un utente, fece sapere che la riapertura di Libia sarebbe stata «prevista per la data del 4 giugno». Ma alla data, in stazione è comparso un ulteriore cartello: «dal 25 maggio all’11 giugno è temporaneamente chiusa la stazione Libia». Il motivo? Ancora «lavorazioni sulle scale mobili».

 

Le spiegazioni

Alla richiesta di chiarimenti, l’azienda ha risposto: «Sugli impianti della stazione Libia sono in corso le revisioni decennali alla presenza degli enti di controllo. È stato già eseguito il collaudo di 8 impianti per i quali Atac è in attesa dei documenti autorizzativi. I restanti impianti sono già revisionati in attesa di collaudo. La riapertura ha richiesto più tempo del previsto, come è stato comunicato, per il protrarsi della programmazione nei sopralluoghi con gli enti esterni preposti al controllo. Si prevede che ciò ritardi la riapertura di circa una settimana, quindi per l’11 giugno». 

Roma, si ferma il tram del Giubileo: il no della Soprintendenza

I dubbi

Resta il dubbio sui motivi per i quali il 25 maggio si era parlato invece di «guasto tecnico» salvo poi cambiare versione. Una questione fondata anche sui precedenti. Quando Atac, infatti, ha dovuto fare le revisioni in altre stazioni, le chiusure sono state annunciate e programmate. Qui, tuttavia, si è improvvisato. 
Consultando poi il fascicolo delle scale mobili di stazione, viene fuori che, come detto, sono 26 gli impianti in servizio. Ogni impianto - scala mobile, ascensore o monta scale che sia - deve essere sottoposto per legge a una serie di revisioni che ne dovrebbero criticare il buono stato di funzionamento: la prima si fa a 10 anni di vita dall’iniziale «nulla osta tecnico», il “Not”, che consente di metterla in funzione. La seconda, poi, è programmata dopo 20 anni dal Not ma con una revisione generale e approfondita. Infine, 30 anni dopo il rilascio del Not, l’impianto deve essere smontato e sostituito. Ora, stando ai documenti Atac, a Libia la revisione decennale è scaduta il 24 maggio per 4 scale; per 14 il 25. Ancora, per una il 31 maggio e per un’altra il 1 giugno. Per le ultime cinque la scadenza è fissata per oggi. A tal proposito si è sollecitata Atac a fornire gli estremi della gara d’appalto che, senza dubbio, considerando la scadenza annunciata da 10 anni, l’Azienda deve aver fatto. Si è inoltre chiesto - consegnando l’elenco dei numeri di matricola di tutte le scale mobili - di sapere su quali scale si sta intervenendo e in cosa consista l’intervento. Tutte domande rimaste senza risposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA