Metro A Barberini: riapertura a novembre, ma senza una scala

Venerdì 9 Agosto 2019 di Stefania Piras
1
Metro A Barberini: riapertura a novembre, ma senza una scala

Ora, la sicurezza viene prima di tutto. Ora. Ma solo a ottobre, quindi tra due mesi, ci sarà un bando per la manutenzione delle scale mobili delle metro. E Barberini operativa al 100% la vedremo forse solo a Natale. È quello che dicono gli esponenti dell'Atac agli esterrefatti commercianti di piazza Barberini che per la prima volta ieri, grazie a una commissione Trasparenza convocata dal dem Marco Palumbo e voluta da Svetlana Celli, hanno potuto avere un confronto con l'amministrazione (parolone, del Campidoglio non c'era nessuno, solo la consigliera di maggioranza Monica Montella). I negozianti hanno chiesto di far presto. Hanno detto che appena si mette in funzione anche solo una scala è fondamentale riaprire la fermata: «Siamo abituati a scale chiuse una sì e una no», commento tragicomico di un ragazzo.

Ma Atac dice che una sola scala attiva non basta. C'erano il direttore degli Affari generali Franco Middei, il direttore dell'esercizio Renato D'Amico e il nuovo responsabile della manutenzione Stefano Pisani.
Bisogna aspettare che riaprano almeno due scale su tre per poter riattivare la fermata. Già ma quando succederà? Atac e Otis dal 23 marzo, giorno in cui hanno chiuso Barberini, continuano a chiedere dissequestri temporanei alla Procura per poter far entrare i tecnici. La magistratura permette di liberare la stazione dai sigilli solo per trenta giorni. Poi bisogna inoltrare una nuova richiesta di dissequestro.

Lo scorso 6 agosto Atac ha chiesto di poter prolungare il dissequestro fino a fine di ottobre. Il contratto siglato con Otis garantisce, a detta di Middei, che la prima coppia di scale mobili nuove sarà rilasciata a fine settembre. Poi, a fine ottobre, verrà rilasciata la seconda scala. E a quel punto, dopo i collaudi dell'Ustif, la fermata potrà tornare in vita. La terza scala, quella incidentata la lasciano per ultima, e sarà sostituita a fermata aperta. E quindi a dicembre. Nel frattempo i commercianti sono in crisi nera. «Dateci un cronoprogramma scritto così lo portiamo in banca come motivo dei nostro mancati incassi», ha protestato Gabriella Repaci. «È incomprensibile - ha continuato Repaci - ci sono casi di fermate della metro riaperte subito dopo atti di terrorismo, ma cosa state facendo?».

I RISARCIMENTI
Le opposizioni tutte chiedono di poter attivare dei risarcimenti che compensino la perdita di posti di lavoro che, proprio come in piazza Repubblica, si sta verificando anche qui. «Ma a chi lo chiediamo? Non si è degnato di venire nessuno dell'amministrazione», ha tuonato Francesco Figliomeni di FdI. «È incomprensibile: una scala mobile non è un impianto termonucleare!», sbotta un ragazzo agguantando la poltrona vuota e lasciata presto da Marco Terranova insieme a Daniele Diaco. «La sindaca sospenda, congeli la riscossione dei tributi alle piccole e medie imprese», propone il segretario del Pd Lazio Bruno Astorre. Richiesta estemporanea, ma neanche troppo, del consigliere forzista Davide Bordoni: «Lo hanno chiamato assessorato Città in movimento. La città è paralizzata: sarà il caso di cambiargli nome?».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma