Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Federico morto di meningite, strazio ai funerali: palloncini e striscioni di addio

Federico, strazio ai funerali del ragazzo morto di meningite: palloncini e striscioni
di Alessia Marani
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Gennaio 2019, 12:07 - Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio, 08:06

San Frumenzio in via Gavriglia, nel cuore di Prati Fiscali, è colma in ogni ordine di posto. Ci sono i compagni di scuola dell'Alberghiero Vespucci che Federico Galluccio, stroncato a 15 anni dalla meningite, frequentava. Ci sono i compagni e le compagne dell'Atletico Talenti e gli infiniti amichetti e amichette dei sabato sera in pizzeria, dei pomeriggi passati nel cortile condominiale a giocare e a fantasticare sul futuro. 

Federico, morto di meningite a Roma: classi al Vespucci semivuote

Meningite, basta morti: vaccini anche in classe e informazioni ai genitori

E poi ci sono gli adulti: mamma Valeria e papà Agostino, circondati dell'affetto dei parenti, dei vicini di casa, dei commercianti e di tutta la comunità che, in quest'angolo di Roma è voluta venire, giovedì mattina, a dare l'ultimo saluto al piccolo Fede. L'arrivederci in paradiso. Don Emilio e gli altri sacerdoti spiegano il Vangelo che racconta di Gesù che lava i piedi ai discepoli prima di prepararsi alla notte più buia, quella che lo condurrà verso la morte. La commozione a San Frumenzio è tanta. I compagni dell'Alberghiero indossano le giacche bianche di servizio in sala, quella stessa giacca che Federico portava con orgoglio.

 

 



Hanno gli occhi pieni di lacrime, questi ragazzi, e il cuore colmo d'amore: i tuoi sorrisi Fede, le tue parole, quando ci dicevi "si risolve tutto", risuonano in noi. Uno striscione saluta il feretro all'uscita: che il tuo sorriso possa risplendere anche da lassù, c'è scritto. Tanti palloncini bianchi e azzurri vengono liberati in cielo. Ora Federico vola, come nel tatuaggio che aveva impresso sua pelle: "Chi ha paura di saltare nn saprà mai cosa significa volare".
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA